Strip
413
23 . 05 . 2009

Conto alla rovescia

Questa settimana restiamo immersi nelle soffocanti atmosfere verdognole della serie Jobs, tra i cubicoli in cui si aggirano piccoli Ingegneri curvi sotto il peso delle loro responsabilità.
Dalla prossima promettiamo di portarvi un po' all'aria aperta, che tanto la vedete soltanto in queste strip, lo so. Magari vi daremo anche un po' di Clara, o forse tanta Clara... e anche quella molti di voi la vedono solo nei fumetti, temo.
Ma basta ciarlare. Scrivere l'editoriale quando si è leggermente ebbri può dare questi effetti, ma cercherò di combatterli perché abbiamo questioni serie da affrontare.
Tanto per cominciare Falcoon ha ricominciato a pubblicare un'illustrazione al giorno. Falcoon è uno dei miei artisti preferiti, e ne ho sentito a lungo la mancanza, quando lavorava come direttore artistico per SNK. Ora se n'è andato, non so se e dove lavora attualmente, ma l'importante è che per tenersi in forma ha ricominciato ad esercitarsi quotidianamente, e a pubblicare i suoi sforzi: sono purtroppo soltanto bozze in b/n, ma si tratta comunque di roba carina... lontana però dalle vette che mi hanno fatto appassionare al suo lavoro diverse estati fa.
Questo grassone giapponese è uno che dà il meglio di sé in estate, ormai è evidente: sarà che la perversione di fondo delle sue opere è amplificata dalla calura estiva.

Nel settore del Divertimento Elettronico questa settimana è stata dominata da un paio di conteggi alla rovescia che hanno generato quantità esorbitanti di hype.
Il primo è l'ormai tradizionale aggiornamento di Team Fortress 2, il più bel gioco online che gioco io, e anche l'unico. Non devo neppure sottolineare la qualità dello stile artistico usato sia nel gioco in sé che nel materiale promozionale... è davvero evidente che Valve ci mette una professionalità decisamente fuori dal comune, e cura ogni dettaglio dei suoi prodotti.
È stato favoloso seguire gli aggiornamenti quotidiani, che hanno visto dipanarsi un piccolo dramma, o meglio una spy-story, da un giorno all'altro: quello che era cominciato come un'espansione dedicata al Cecchino si è trasformata a sorpresa nell'espansione anche per la Spia. Non parliamo poi del video shock, anche questo pubblicato su Youtube prima dell'annuncio ufficiale, forse volutamente da parte degli autori per fare le cose in puro stile da spionaggio anni '60.
E pensare che il gioco in sé non ha trama: ma questi dettagli di contorno, queste manovre pubblicitarie, contribuiscono da sole ad espandere lo spessore del titolo.
L'altro conteggio alla rovescia è apparso nientemeno che sul sito di Hideo Kojima: il designer pazzoide che ci ha dato Metal Gear Solid, ovvero la personalità più carismatica di tutto il settore.
Per ora non c'è altro che un panorama di campagna: c'è chi giura di aver visto nella forma delle nuvole un riferimento a Metal Gear Solid 5, ma forse sono solo poveri ossessionati fuori di testa. Eppure, la tensione è molto alta.

“So listen up boy, or pornography starring your mother will be the second worst thing that happens to you today.” (the Spy)

Lo-Rez: arte, storia, web design
23 . 05 . 2009

Passioni a presa rapida

Credevo che Portobello Road fosse l'unico tentativo di stuzzicarvi che avessi fatto nell'ultimo periodo invece c'era anche questa. E' ben vero, però, che se quella era un pungolare raffinato in parti quasi inconsce della nostra memoria, questo è veramente un assist per dilettanti di primo pelo. Come vedete anche noi sappiamo essere defaticanti.
Cosa sono i flussi in un azienda? Sono quelle cose che stabiliscono il percorso per andare da A e B e le azioni che ognuna delle persone che si ha intorno in un ufficio deve fare perché ciò accada? Sono croce e delizia di interi corsi di laurea, sono oggetto di studio più del cancro e alcune delle menti tra le migliori del mondo vi si dedicano tutti i giorni. In verità, però, sono poco più consistenti dell'Ufologia applicata alla cotoletta con piselli, sono chimere di cui molti hanno trovato tracce sotto forma di cerchi nel grano (o, più spesso, nella moquette), ma che nessuno ha visto veramente. Dicono che GMail sia nata dopo che un dipendente di Mountain View era stato rapito da flussi, alcuni credono che i cadaveri di flussi precipitati sulla terra siano nascosti e studiati nelle profondità di Redmond, sembra che la strategia di marketing dell'iPhone sia stata studiata da un medium in contatto telepatico con i flussi di Atlantide.
A parte queste segnalazioni difficilmente verificabili, però, nessuno ha mai avuto la vera dimostrazione dell'esistenza di un flusso per cui le persone comuni li guardano sempre con un notevole sospetto. Gli ingegneri, però (che non sono persone comuni), sono convinti tutti che i flussi esistano e hanno appesi nelle loro camerette dei poster con dei diagrammi a blocchi con scritto sotto "I Want to Believe". E' gente, sfortunatamente, che soffre terribilmente quando impatta col mondo reale.
IoPogrammo di Maggio regala (bhe, regala, allega...) Pocket Perl. Lo so che la segnalazione è un po' tardiva ed effettivamente avrei potuto farvela pure un po' prima, comunque l'acquisto è consigliato. Io l'ho preso perché, nonostante la passione per il linguaggio, non ho nessuna reference cartacea e mi piaceva averlo. Devo dire, però, di avervi trovato alcuni spunti interessanti anche al di là della descrizione della sintassi, qualche spunto sul perl 5.10 (niente di epocale, ovviamente) e anche alcune digressioni piuttosto utili su programmazioni a oggetti e espressioni regolari. Insomma, se dovete cominciare a studiare perl (e vi dico io che dovete) direi che è veramente un ottimo punto di partenza.
Ci sarebbe anche da parlarvi, in uno dei miei editoriali particolarmente esauriti, di un altro progetto che sto seguendo per altre vie e che mi sta prendendo del tempo ultimamente. E' un progetto personale che devo fare di nascosto da Lo-Rez perché non è in XHTML e ho paura che lui, scoprendolo possa sentirsi tradito e il suo giovane cuore non reggere. In ogni caso, almeno per ora, mentre siamo nella fase della più unta e sordida lavorazione, mi sta dando certe soddisfazioni. Finirà tutto inevitabilmente su questa digital carta.
L'editoriale si avvia verso la ragionevole chiusura. Vi assicuro che è stata una settimana di vita reale assassina, con assalti su tutti i fronti, anche inediti. Forse anche questo fa sì che le dita si muovano stanche sulla tastiera, ma non mi fermerà, giacché, per amor vostro, avrete sempre un editoriale sulla vostra tavola, per il fine settimana.

“et cette voix qui me raisonne : anéantir le dogme”

Cymon: testi, storia, site admin
Precedente Successiva

Follow The Rabbit © 2001 Simonazzi /Farè
Tutti i contenuti del sito sono su licenza Creative Commons
All'inseguimento del Coniglio Bianco sin dal 2001 — Tanto Non Lo Facciamo Per Voi™
XHTML1.0 Strict, CSS2.0, DOM1, RSS2.0