Strip
913
20 . 04 . 2019

Le sorti umane e progressive

La strip di oggi è il nostro consueto atto di ribellione nei confronti dello Spirito del Tempo: mentre buona parte del Mondo è invasa da un esercito di coniglietti di cioccolato, pulcini di cioccolato, fiorellini di marzapane, uova di spuma, uova di cioccolato, colombe di, ehm, panettone... noialtri pubblichiamo una strip di violenza raccapricciante.
Siamo cattivissimi.

Ma per onorare una tradizione abbiamo dovuto sacrificarne un'altra; del resto in 18 anni di FTR ne abbiamo accumulate tante da dare materiale di studio agli antropologi per secoli. Questa settimana infatti ho aggiornato un componente hardware del mio computer... ma non c'è una strip sul Supporto Tecnico a commemorare (?) l'evento.
Fiuuuuu!
E non un componente qualsiasi, ma il cuore stesso della macchina da gioco iperuranica; un concentrato di circuiti da mille valvole, che si fa insalate di matematica a colazione, pranzo e pure cena; un reticolato infinitamente complesso di rame e silicio, che consuma una irragionevole quantità di energia per dissiparla in inutile calore; una macchina insostenibile, inutile, inguistificabile; una macchina per la distruzione dell'ambiente, un acceleratore dei processi entropici universali; celle dentro celle dentro celle dentro celle...
Una scheda video.

E così ho affondato le mani fino ai gomiti nelle viscere del mio adorato calcolatore, e ne ho estratto una mostruosità impolverata e fedele, che mi ha assistito in anni e anni e anni di avventure videoludiche.
Una di quelle con lo chassis in plasticone semitrasparente e l'adesivo con la donnina nuda disegnata malissimo in 3D. Un design che denuncia tutta l'ingenuità dei nostri primi anni 2000, che sembra pensato per estinguere sistematicamente ogni traccia di dignità umana dagli adolescenti videogiocatori ai quali era rivolto.
Al suo posto ne ho installata una che sembra una concept car disegnata da Pininfarina, tutta spigoli e prese d'aria. E plasticone. Ma niente adesivi, grazie al cielo!

Ma cosa occorre fare, per sostituire una scheda video nell'anno 2019? Niente.
NIENTE.

Per i bamboccini abituati a giocare a Fortnit- no, scusate, ad Apex Legends, tutto ciò sarà normale; ma io ricordo quando dovevo appoggiare l'orecchio alle viscere squartate del mio povero PC, a schermo buio, e cercare di decifrare i suoi pietosi pigolii con in mano il manuale della scheda madre. E poi sottopormi a infiniti cicli di riavvio, e inserire CD e pulire i driver con oscuri comandi DOS prima e dopo l'installazione della scheda (importantissimo farlo prima! Se no eri spacciato).
Oggi? Apro il case senza far uso di cacciaviti, monto la scheda senza far uso di cacciaviti, riaccendo il PC, lui se ne sta lì per un 20 secondi, sfarfalla un po', e BAM! Ecco di nuovo il desktop a 1920x1200, pronto per essere messo alla prova con una nuova generazione di giochi. I driver? Manco so più cosa sono, i driver.

In tutto questo processo ho imparato che davvero le sorti umane sono progressive, e la luce della speranza mi ha aperto il cuore!
Che sia il mio messaggio pasquale, a tutti i conigli sopravvissuti.

Lo-Rez: arte, storia, web design
20 . 04 . 2019

Fiumi di cioccolata

E poi viene quel periodo dell'anno in cui c'è più sole che nebbia e gli avvenimenti si susseguono, piccoli avvenimenti che portano comunque allegria in questo sito (lasciate stare che c'è una strip su un serial killer sopra di noi). Per esempio la pasqua può avere molti significati, ma rimanendo in superficie (come un sito come questo richiede) è un momento di risveglio della natura, di mangiare e di cioccolato. E' un momento che, nell'immaginario collettivo attuale, carichiamo meno di sentimenti famigliari, ma che comunque può servire per ricordarci più in generale i legami che abbiamo con le persone e come viverli al meglio. Quello e il cioccolato.
Nel nostro piccolo si sta anche avvicinando uno di quei compleanni con i numeri grossi che ormai danno più inquietudine che altro (come i compleanni con i numeri grossi sempre danno), ma che sarà un dovere rimarcare, anche perchè fare finta di nulla, purtroppo, non ci impedirà di invecchiare.
E intanto credete che il mondo dei videogiochi si sia dimenticato di noi? Ormai si moltiplicano i comunicato sulla next gen, sembra che sia pronto il momento di suonare le trombe di una nuova console war. Non è un caso che il primo annuncio di questa nuova gloriosa era sia stato Stadia, che ha velocizzato e dato la scossa al mercato. Le major del videoludo sono anche loro delle vecchie signore che anche quando sanno cosa è loro dovere fare, comunque fanno finta di niente il più a lungo possibile per godersi la serenità del parchetto, la brezza, i lavori a maglia e soprattutto le vendite lente, ma inesorabili delle loro consolidate, bugfixate macchine. In tutto questo Stadia è venuta come la ragazzina con la maglia del Che a spiegare che è ora di rivoluzione e nell'attesa che anche lei si imborghesisca toccherà alzarsi tutti in piedi e riprendere le armi. Per noi vecchi, vecchissimi autori di FTR il valore effettivo di questo nuovo scontro è limitato, se considerate che, parlando di me, siamo tornato indietro alla prima Playstation senza colpo ferire, ma almeno in queste pagine avremo qualcosa da scrivere.
Editoriale molto frivolo, questo, che va a finire senza dire nulla. Ho deciso di comportarmi così, oggi, con estrema leggerezza, quando usualmente arrivavo a questi inutili stream of consciousness con un po' di contrizione, in passato. Ma come vi dicevo oggi è un po' un dì di festa (sole, cioccolato, ecc ecc) e essere frivoli mi pare consono. Divertitevi e alla prossima!

“You should see me in a crown / I'm gonna run this nothing town / Watch me make 'em bow / One by one by, one / One by one by”

P.S. Ah, voi che magari ne sapete più di me... ma perché non hanno usato un Phoenix Down su Aeris?

Cymon: testi, storia, site admin
Precedente Successiva

Follow The Rabbit © 2001 Simonazzi /Farè
Tutti i contenuti del sito sono su licenza Creative Commons
All'inseguimento del Coniglio Bianco sin dal 2001 — Tanto Non Lo Facciamo Per Voi™
XHTML1.0 Strict, CSS2.0, DOM1, RSS2.0