Strip
224
27 . 08 . 2005

Vacanze in Riviera

Ormai siamo veterani dei rientri estivi... ma tornare ai posti di combattimento, sulla strada per il sesto anno di FTR, non ha ancora perso quell'effetto eccitante che induce dipendenza e che in fondo è la ragione per cui lo facciamo. Bisogna addentrarsi per molti km nella campagna, sapete, per raggiungere quei posti di combattimento: bisogna scovare l'ingresso della galleria nascosto dall'erba, infilarsi dentro e precipitare nel buio, fino in fondo alla tana del Bianconiglio, familiare ormai come casa nostra... sì, il sole estivo mi dà alla testa.
Ci eravamo lasciati sulla scena del primo bacio nella storia di FTR: poco importa se il partner di Clara non è umano, anzi non è neppure un mammifero. Poco importa anche che sia tutta una fiction, sul set di "Anche i Paguri Piangono". Gli incidenti di scena sono autentici, e ora Ciupito rischia di fare una brutta fine a causa della passione divorante di Clara.
Per conoscere il destino del paguro più famoso del piccolo schermo però dovrete attendere qualche settimana, perchè da settembre riprende Kunoichi Clara con il Ventaglio III. Io e Cymon siamo molto esaltati.

La Tana però è tutta ingombra di monitor con i quali teniamo sotto controllo l'intero panorama videoludico mondiale, e anche se tradizionalmente questo è un periodo di calma piatta, in tre settimane qualche notiziola succosa è emersa ugualmente.
Prima di tuffarci nel divertimento elettronico però mi duole segnalare un caso di disinformazione piuttosto triste: il giorno dopo l'aggiornamento di Windows Update con il sistema di protezione Genuine Advantage, in rete era tutto un fiorire di titoli cubitali sull'ennesima figuraccia di MS, e di articoli esaltati su quei prodi hacker che a poche ore dall'uscita avevano escogitato un sistema per aggirare il controllo di autenticità di Windows: su HTML.it c'è un bell'esempio.
Quello che gli organi di "informazione" acciecati dall'odio e dal pregiudizio non hanno afferrato, è il fatto che il fantomatico crack è semplicemente un'opzione del menu di Internet Explorer. Genuine Advantage è implementato come un controllo ActiveX, e come tale può essere disabilitato sia da codice Javascript che, più comodamente, dal pannello di controllo di IE, esattamente come tutti gli altri plug-in. (Aggiungerei che Firefox al momento non permette di gestire i plug-in come Flash o Media Player, per cui, tra l'altro, ad ogni aggiornamento si è costretti a riscaricarli e reinstallarli, e a volte è impossibile.)
In altre parole, MS stessa offre la possibilità di disabilitare il controllo e continuare ad usare il software pirata. Altro che astuti e geniali craccatori. Ma passiamo alle cose serie.
E' stato annunciato un nuovo titolo di Summon Night, completo di sito in Flash disgustosamente carino, fitto di ideogrammi e a tinte pastello. Summon Night è una di quelle serie che non hanno mai messo il loro grazioso piedino fuori dall'isola di Nippon, ma stavolta speriamo che le cose vadano diversamente, perchè quegli sprite 2D ad alta risoluzione combinati con sfondi 3D sono davvero notevoli. Per il resto, sarà il solito RPG pervertito.

A proposito , c'è questo Princess Crown che ha fatto sobbalzare sulla sedia i fanatici più hardcore, che lo ricordano sul Sega Saturn come un titolo tutto sommato carino. A quanto pare verrà distribuito in Occidente, e per PSP... nientemeno. Chiudiamo questo siparietto con una notizia che fa tenerezza, e che mi ha colpito profondamente: Ikusa Gami è un gioco del quale non si sa assolutamente nulla, a parte che sarà un action con battaglie su larga scala, e "un massimo di 65536 personaggi per livello". Non chiedetemi perchè, ma mi sembra splendido che qualcuno si preoccupi di rivelarci informazioni di questo genere, e non abbia paura di ammettere che usa variabili da 2 byte per identificare i personaggi nel suo gioco.

E così abbiamo raggiunto il cuore di questo editoriale, che saranno le mie impressioni su Riviera. Riviera è quell'RPG/simulazione di appuntamento di cui ho parlato quando è uscito per GBA, e ci tengo a farvi sapere che l'ho messo in cima alla mia lista dei titoli da giocare proprio per poterlo commentare quando è ancora di attualità. Così, tanto per cambiare. Di fatto, se fossi un vero ossessionato, e se seguissi davvero seriamente la scena dei giochi coreani, probabilmente vi avrei parlato del Riviera originale, quello uscito tempo addietro per GP32. Vi chiedo perdono quindi se vi presento il banale, mainstream remake per GBA. La grafica è più bella, però. E non è stato censurato!
Intanto devo correggere alcune imprecisioni riportate nell'editoriale suddetto: la "componente musicale" in realtà è più una questione di ritmo, sul tipo di eseguire certe combinazioni di tasti entro un certo tempo, e non compare in battaglia ma in occasione di eventi speciali (come le trappole). Un pò come il sistema Quick Time Event in Shenmue. Ad ogni modo il gameplay si distingue parecchio dal tradizionale RPG nipponico, e non solo per questi intermezzi arcade: Riviera si gioca quasi come un'avventura punta e clicca, solo che invece di puntare e cliccare si pigiano i tastini del GBA per muoversi da una schermata statica all'altra, parlare con i personaggi e interagire con l'ambiente.
All'inizio l'impossibilità di muoversi liberamente è un pò spiazzante, ma ci si fa l'abitudine in fretta. Inoltre permette di infarcire il gioco di sequenze narrative: Riviera pullula letteralmente di commediole tra i personaggi del party, di scenette che vanno dal comico al perverso, e di illustrazioni a tutto schermo che appaiono nei momenti cruciali. Un'altro fatto insolito è che molto spesso il viaggio è a senso unico e non è possibile rivisitare le schermate precedenti, il che mette in ansia perchè ci sono particolari segreti nascosti dappertutto, e in una sola partita è impossibile vedere tutto quello che il gioco ha da offrire.
I componenti del party sono tutti di sesso femminile (anche la gatta!) a parte il protagonista, e non ci vuole molto ad intuire che il gioco incoraggia il corteggiamento delle signorine, ciascuna delle quali incarna un tipo di ideale femminile da classico otaku nipponico. A seconda delle azioni e dei dialoghi scelti, varia il punteggio di affetto di ciascuna fanciulla nei confronti del protagonista, e quella con il punteggio maggiore compare nella scena finale del gioco (sì, può essere anche la gatta!).
E questo esaurisce i "Sexual Themes" citati sulla scatola di Riviera... a dire il vero mi aspettavo di peggio. Per quanto riguarda la voce "Use of Drugs", posso confermare che l'unico accenno è nelle "erbe" curative che la fanciulla timida raccoglie con spensieratezza nei prati fioriti.
Il combattimento è piuttosto tattico e intenso, e non viene mai a noia anche perchè gli scontri non sono casuali, ma ciascuno ha la sua presentazione ad hoc. I personaggi non la smettono di chiacchierare neppure durante le battaglie, e spesso ci sono delle battute a voce... Sentire quelle vocine infantili dal misero altoparlante del GBA che pronunciano "Risoluto!" (in italiano), o "I'm not a witch for nothing", o "This is the duty of a Grim Angel!" è carino, contribuisce a quell'atmosfera surreale tipica degli RPG dove i mitici eroi che devono salvare il mondo sono 5 bimbetti delle elementari.
La direzione artistica è ben fatta... fa apparire tutti, dagli Angeli Oscuri ai vampiri ai negromanti, come bamboccini minorenni ultra-graziosi dai tratti asessuati, ma è ben fatta. E' uno stile particolare, e si addice all'atmosfera. E' un bel gioco, Riviera, anche se per apprezzarlo dovete avere un gusto piuttosto allenato con i titoli orientali. Dopo FFTA e Kingdom Hearts è senz'altro un dei titoli migliori per la console piccina piccina di Nintendo.

“Black winged angels of death wielding Diviners: the Grim Angels...”

Lo-Rez: arte, storia, web design
27 . 08 . 2005

Welcome back

Se lo facessimo per voi avremmo tutto il diritto, ora, di piantare un bel piagnisteo sul fatto che le attività del sito riprendono, sul fatto che l'estate sta finendo (e un anno se ne va), sul fatto che sto diventando grande (e questo non mi va) e sul fatto che si è di nuovo qui, davanti al video, con la tastiera sotto le dita a guardare il mondo da un oblò (mi annoio un po'). Invece non lo facciamo per voi (potreste averlo intuito...) per cui non c'è niente da frignare, almeno riguardo la tana. In verità Follow the Rabbit va in vacanza per ragioni puramente logistiche perchè esistono delle settimane, durante l'anno, in cui né io né Lo-Rez siamo, udite udite, vicini al PC e quindi non possiamo fisicamente fare gli aggiornamenti. Oltre a questa, in verità, c'è anche la trascurabile questione del coniglio, che pretende di fare le ferie, ma questa è una problematica interna che non voglio mettere in piazza.
Una delle cose che più fanno impressione quando torni dalle vacanze è scoprire che, nel frattempo, il mondo non si è fermato. Certo, ci sono meno proclami idioti da PR ad agosto che sotto natale, ma qualcosina c'è. Io avrei qualche pensierino della sera, anche se legato ad argomenti più semplicemente informatici che strettamente videoludici, ma ho deciso di tenerli in serbo, il che è strano, visto che in vacanza sono stato in Croazia e non in Serbia e quindi del serbo non so una parola, ma sapete,io non sono tanto normale. Volevo invece rivolgermi a tutti voi, che magari su queste stesse pagine mi avete sentito diverse volte decantare le lodi di Advance Wars però avete una rara forma d'allergia al GBA e non potete quindi avvicinarvi a questo titolo così magistrale. Che vi rimane da fare? Bhe, una soluzione potrebbe essere rivolgersi a Lands of Legends. LoL (sai che risate...) è uno strategico a turni di stampo fantasy che per molti versi ricorda il capolavoro della console portatile Nintendo: bonus/malus di movimento, creazione unità, importanza delle armi a gittata...insomma, si riesce a ritrovare in questo piccolo titolo molto del suo feeling. Il problema, però, è una veste grafica assolutamente scandalosa che ricorda (in peggio) alcuni giochini gratuiti che girava ai tempi di Windows '95 priva di animazioni e senza la minima rifinitura, assolutamente inaccettabile al giorno d'oggi. Questo sorvolando sulla trama in cui il mondo viene minacciato da un certo...ehm..signor Male...
Potreste però non essere ancora pronti per discettazioni videoludiche così profonde, in fondo siete tornati dal mare da poco e potrebbe già mancarvi la goliardia estiva. Per consentirvi la giusta decompressione posso solo consigliarvi questo link in cui si riporta il tragicomico processo di risottotitolazione di "Il nuoto a dorso dell'ovest" che noi poveri mortali conosciamo semplicemente come Episode III: the revenge of Sith. Sembra che un povero cinese, istigato dal mercato pirata del luogo, abbia dovuto prendere i testi già tradotti in cinese (attenti bene...) del film e riportarli in inglese, probabilmente senza la minima possibilità di soffermarsi un momento a pensare a quello che stava facendo. Il risultato è un delirio di sesso fra droidi, Chiese Presbiteriane e gente "grossa". Non so giudicare in verità un lavoro del genere, so solo che a leggerlo mi sono scompisciato come un cretino.
Bene, al solito per il primo editoriale post vacanze ci teniamo leggerini, per cui siamo già ai saluti. Statemi bene, baci, abbracci, eccetera eccetera. Ah, settimana prossima si va subito forte, ricomincia KUNOICHI CLARA!!!

"E in un parco acquatico.../
posso indossare una maglietta bianca!
posso indossare una maglietta bianca!"

Cymon: testi, storia, site admin
Precedente Successiva

Follow The Rabbit © 2001 Simonazzi /Farè
Tutti i contenuti del sito sono su licenza Creative Commons
All'inseguimento del Coniglio Bianco sin dal 2001 — Tanto Non Lo Facciamo Per Voi™
XHTML1.0 Strict, CSS2.0, DOM1, RSS2.0