Strip
693
06 . 12 . 2014

Una cosa seria

Forse non si tratta di una vera e propria guardia, ma piuttosto di due getti di scarico per il plasma, resi necessari dall'uso di un cristallo sintetico sovrapotenziato. Il cristallo deve essere sintetico, come da tradizione Sith, ma pare piuttosto carente nella messa a fuoco: la lama è percorsa da quelle che sembrano lingue di fiamma, come se la spada laser fosse stata raffazzonata da un apprendista autodidatta, attratto dal Lato Oscuro ma costretto a guardarsi da solo qualche olo-documentario sulla costruzione delle spade laser, recuperato magari da un antichissimo tempio Sith.
O forse è solo un'arma molto antica e molto arcana, di quelle che secondo le leggende possono mandare in corto circuito le altre spade laser. In ogni caso quelle fiamme di plasma ardente hanno un aspetto assai minaccioso, un'estetica espressionista quasi Heavy Metal.
Questo è bene. Anche l'abbigliamento della femmina umana è un buon design, dominato dalla praticità, in equilibrio tra elementi moderni ed esotici, ricco di dettagli interessanti ma nel complesso sobrio. La praticità manca invece al suo veicolo: montare e smontare da quella chiavetta USB gigante non dev'essere facile. Anche questo è bene: lo stile è indovinato in pieno, è pura space opera.

Mi è mancata la forza di volontà di oppormi al primo filmato del nuovo Guerre Stellari, e questo è il risultato. Non so se vedrò i futuri trailer, e attualmente non credo che andrò a vedere il film quando uscirà al cinema. Non so se il mio cuore malconcio sopporterebbe un'altra ferita.

Lo-Rez: arte, storia, web design
06 . 12 . 2014

Una lama sottile

Vi ho lasciato una settimana intera in compagnia del trailer dell'odio e vi siete comportati bene. La rete ancora arde dei fuochi delle grandi battaglie che si sono combattute tra chi lo ama e chi lo odia. Che poi non sono fazioni che amano o odiano veramente il trailer, che dice poco o niente. Sono più che altro fazioni che amano/odiano Star Wars, Geigei, la Disney, i droidi a forma di palla e i criceti arancioni.
Perché, diciamocelo, la qualità intrinseca del trailer non conta niente, l'importante è che sia qui, contenga immagini simili a Star Wars e faccia parlare di sé.

Questo trailer mi fa tornare in mente l'ultimo momento in cui sono stato felice assieme ai Jedi. E' stato molti, molti anni fa e anche allora fu per un trailer, il trailer di Episode I, per essere precisi. Era un trailer che raccontava ancora meno di quanto racconti questo, ma c'era la musica di John Williams, i campi lunghi con i bestioni in CG e un sacco di scene con Darth Maul. Il fatto che poi, a tutto questo, siano state mischiate infinite altre porcherie e che sia arrivato nei cinema quello che è arrivato poco importa, ai tempi avevamo solo quelle immagini e quelle immagini erano bellissime.
Perché, intendiamoci, Darth Maul non aveva una riga di dialogo che fosse una, ma era un signor Sith ed è stato protagonista di uno dei più bei combattimenti di tutta l'esalogia. E John Williams, con Duel of the Fates, ha comunque regalato al mondo un altro tema... molto Star Wars.

Quindi possiamo posare le armi dell'odio e sognare, come alcuni hanno scritto, tornare bambini, lasciarci cullare dal mito? Ovviamente no.
Passiamoli pure in cavalleria i droidi buffi, gli stormtroopers, gli X-Wing e il Millenium Falcor. Concentriamoci unicamente su LA scena.
Innanzitutto, questa storia della guardia laser. Perché non possiamo accettare la guardia laser? Nessuno si lamentò della spada doppia di Darth Maul, anzi, era uno degli aspetti più amati. Perché un nuovo modello di spada dovrebbe sconvolgerci? Ve lo spiego: la spada laser di questo nuovo trailer è una cosa che scimmiotta qualcos'altro, è una spada che cerca di essere la versione laser di qualcosa proveniente dal nostro immaginario. E' questo che, oggettivamente, fa gridare allo scandalo. Le spade laser non sono spade però con la lama laser, le spade laser sono armi a sé, con una filosofia, una disciplina, uno stile di combattimento che non ha un vero corrispondente in nessuna lama reale. Ora, non voglio arrivare a ragionare in quest'ottica, ma ammetterete anche voi che i combattimenti di spada laser sono una cosa, i combattimenti con le spade normali un'altra.
Tutta la scena della spada, che dovrebbe essere il clou del trailer, in realtà è tutto un evocare scenari sbagliati, tra Harry Potter e il Signore degli Anelli. Il fatto che culmini anche con una spada sbagliata è il colmo, anche perché la spada era una delle poche cose che la seconda trilogia aveva evitato di stuprare.

E questo, direte voi, può bastare? Beh, percentualmente quei pochi secondi sono parecchi sulla manciata di secondi del teaser tutto, quindi è impossibile pensare che non abbiano peso e poi un conto è fare male uno Star Wars (Episode I), un conto, come qui, è sbattersene di cosa uno Star Wars sia. Per un teaser, insomma, la campagna dell'odio è soddisfatta, odiare sembra ancora la scelta giusta. Non sembra di idea diversa nemmeno Leo Ortolani.

“E poi le parolacce che ti lasci scappare che servono a condire il tuo discorso d'autore come bava di lumaca stanno li a dimostrare che è vero, è vero non si può migliorare col tuo schifo d'educazione col tuo schifo di educazione”

Cymon: testi, storia, site admin
Precedente Successiva

Follow The Rabbit © 2001 Simonazzi /Farè
Tutti i contenuti del sito sono su licenza Creative Commons
All'inseguimento del Coniglio Bianco sin dal 2001 — Tanto Non Lo Facciamo Per Voi™
XHTML1.0 Strict, CSS2.0, DOM1, RSS2.0