Strip
669
07 . 06 . 2014

1960

La strip di oggi segna il ritorno di un personaggio troppo a lungo negletto: Serpente Solido, perché bisogna avere il coraggio di chiamare le cose col loro nome, e solo in italiano si può rendere appieno la perversione del nome ideato da Hideo Kojima per il protagonista di Metal Gear Solid.
Quando i personaggi ricorrenti di FTR si sono riuniti tutti presso lo stesso datore di lavoro, ormai eoni fa, Serpente Solido risultava assente... come del resto ci si attende da un professionista dell'infiltrazione in incognito. La sua specializzazione rimane tuttora molto richiesta, e non conoscerà mai la crisi: tuttavia a quanto pare la nostra versione di Snake tra una missione e l'altra si adatta a lavoretti saltuari, come le pulizie notturne degli uffici dove lavorano Neo & Gödel.
A meno che, naturalmente, anche questo non faccia parte di una missione segreta...!

La notizia più eclatante delle ultime settimane, peraltro ricchissime di uscite a me molto gradite, è forse questa: Wolfenstein New Order non fa schifo, anzi è un ottimo gioco. Non posso che rallegrarmi perché sembra oramai che ci siamo lasciati alle spalle l'epoca buia in cui i videogiochi occidentali, specialmente per PC, erano del tutto carenti in direzione artistica. Stiamo finalmente uscendo dal tunnel dei giochi obbrobriosi tutti uguali, gallerie infinite di fogne e magazzini coperti di una glassa indistinta di texture marroni e grigie. Questo nuovo Wolfenstein esibisce un'ambientazione affascinante, immaginata con passione: gli anni '60 (già di per sé storicamente uno degli apici del design) rivisti secondo l'iconografia nazista.
Ma ancor di più mi ha colto impreparato l'attenzione profusa nella storia e nella caratterizzazione dei personaggi. Nel corso dei decenni abbiamo compiuto la transizione completa da un eroe muto e senza volto, letteralmente identificato nella sua arma da fuoco, a un personaggio dalla personalità umana. Non sempre si tratta di un cambiamento in meglio: io faccio parte della vecchia scuola, e spesso avverto la nostalgia dei bei giochini di una volta in cui si sparacchiava senza un perché, ci si menava da ignoranti, si saltellava senza un domani. Ma stavolta è venuto fuori un gioco più coinvolgente, nettamente migliore di tutti quelli che prima di lui hanno portato il nome Wolfenstein (a parte il capostipite).
Per fortuna questa transizione verso la modernità non ha interessato i meccanismi di gioco, che ignorano la moda delle coperture, della salute che si autorigenera, dell'inventario limitato, e per fortuna ci ripropongono il vero FPS autentico, quello dove si spara all'impazzata e per curarsi si cercano i medipack sparsi in giro.

Lo-Rez: arte, storia, web design
07 . 06 . 2014

Who's next

Ho accarezzato a lungo l'idea di inserire Serpente Solido nella serie Jobs, ma non mi era chiaro come. Serpente Solido è un personaggio a cui siamo molto affezionati e che ha attraversato, come tutti, ogni epoca di FTR, ma che non ha mai trovato un "lavoro" che gli permettesse una presenza sensata in Jobs.
Lo vedete qui introdotto come spazzino dell'azienda di Neo e Godel e, considerando che sono un patito della continuity, credo proprio che da oggi sarà il caso di ritenerlo tale. Potreste considerare irrispettoso da parte nostra ridurre la nobile spia a un ruolo così ingrato, ma io non penso sia così male, anzi, in realtà io non penso che lui pensi sia così male. E visto che lui è un personaggio mio, le cose stanno esattamente così (ok, ma non scendiamo troppo nell'escatologico).
Kojima in primis gli ha dato, a un certo, punto, una parentesi da barbone particolarmente tormentato e, a mio parere, quel destino era molto peggio. Serpente Solido, in fondo, è sempre stato un supersoldato alla ricerca della normalità, una persona ormai pronta ad appendere la bandana al chiodo e a essere accettato dalla società. E, in fondo, il primo passo per essere accettati dalla società non può che essere quello di trovarsi un lavoro rispettabile, in cui, magari, non si uccida la gente. Per questo sono contento di lui e capisco perché fischietta con lo scopettone in mano: Serpente Solido è diventato una persona normale, magari ancora un pochino trasparente, ma normale. Uno che vi saluta quando lo incrociate, uno che invitate a bere una birra, uno con cui parlate della partita della sera prima. Niente male, secondo me ci sono un mucchio di personaggi che vorrebbero finire così.

E' uscito un trailer di Mortal Kombat X e ho deciso di spoilerarvelo come un bimbominkia: Sub-Zero muore. Si, di nuovo, un po' come gli capita sempre, naturalmente contro Scorpion. E anche se lo troverete banale io sono contento, perché adoro Scorpion dal primo MK, non solo perché aveva la fatality facile e il costumino ninja, ma anche perché mi piacevano le mosse.
Ho raccattato, alla fine, tutti i picchiaduro disponibili per 3DS, ma so benissimo di non essere un appassionato del settore, non sono certo un giocatore hardcore che cerca di dominare i personaggi a ogni costo. Quello che ho fatto col 3DS è stato uno sfizio (che, oltretutto, mi è costato decisamente poco), ma ovviamente non mi avvicinerò mai a questo MKX. Eppure, comunque, MK esercita tutt'oggi su di me un fascino particolare e non riesco a fare a meno di seguirne le vicende, o raccontarvele qua nella tana. C'è poi un altro interessante fatto da considerare: l'intero mercato dei picchiaduro è inchiodato ai sequel di serie storiche. Accettiamo tranquillamente che esca ogni tanto un MK, uno Street Fighters, un King of Fighters o un Dead or Alive, ma nessuno si accorge che non c'è in giro un cane pronto a investire in un picchiaduro nuovo, con personaggi nuovi. Non c'è abbastanza interesse nel genere da generare nuovi progetti, ma non ce n'è nemmeno così poco da smettere di produrre roba. In pratica Zangieff, Mai Shiranui, Kasumi e Liu Kang saranno condannati a combattere per sempre, continuando a trovare motivi improbabili per risorgere e iscriversi a nuovi tornei. Ecco, collegato a quanto detto prima, secondo me darebbero tutte le loro mosse speciali in cambio di un posto a un'impresa di pulizie.

“ We'll get to the core tonight. / Our forces will prevail. / For too long we've been doomed. / Release our Badaboom. ”

Cymon: testi, storia, site admin
Precedente Successiva

Follow The Rabbit © 2001 Simonazzi /Farè
Tutti i contenuti del sito sono su licenza Creative Commons
All'inseguimento del Coniglio Bianco sin dal 2001 — Tanto Non Lo Facciamo Per Voi™
XHTML1.0 Strict, CSS2.0, DOM1, RSS2.0