Strip
46
23 . 03 . 2002

Hardware Upgrade

Durante lo scorso weekend ho effettuato un aggiornamento del mio computer. Ho ordinato online vari componenti, che sono poi rimasti nei loro imballaggi in giro per casa finchè non ho avuto il tempo di dedicarmi all'assemblaggio. Avevo qualche timore soprattutto per l'installazione del dissipatore sopra il mio preziosissimo, e oltremodo fragile, Athlon XP. Come ogni fanatico dell'hardware può confermare infatti, questa CPU di AMD ha un'unico difetto rispetto ai processori Intel, ovvero si rompe con la facilità della pellicola sulla superficie del cioccolato caldo, per cui la prospettiva di dover esercitare una fortissima pressione (con un grosso e pericoloso cacciavite, per giunta!) su di esso non mi sorrideva molto. Alla fine comunque e' andato tutto liscio, e quel grosso blocco di metallo si e' comodamente adagiato nel suo letto di pasta siliconica.
Dà una certa soddisfazione costruirsi un computer completo a partire da pezzi sparsi su un tavolo, e quando è apparsa sul desktop la collina verdeggiante sotto un cielo azzurro, la soddisfazione e' stata ancora maggiore. Ora posso.
D'ora in poi potrò lavorare agevolmente con immagini di ogni dimensione... ultimamente incontravo qualche difficoltà a gestire gli sketch (che si aggirano sui 20-30 MB). A proposito, per commemorare l'evento c'è un nuovo wallpaper.
Con i pezzi rimasti del vecchio PC mi sono anche costruito una Linux Box (solo interfaccia testuale, come si addice ai Veri Uomini), che siede proprio accanto all'altro computer.

La cosa strana in questa faccenda riportata da Madman's Cafe non è tanto che un sito giapponese ha pubblicato delle immagini tratte da Xenosaga nelle quali la telecamera e' stata manipolata in modo da spiare sotto la gonna delle ragazze che popolano il gioco. La cosa che fa pensare e' che c'era effettivamente qualcosa da vedere: ovvero, gli artisti del gioco si sono presi la libertà di aggiungere qualche poligono non strettamente indispensabile. Come direbbe Kagome, brutti pervertiti!

Enter Bob:
Singore e signori, ecco a voi Bob, l'angioletto protagonista di Messiah, un ospite che ci terrà occasionalmente compagnia nelle prossime puntate.
Mi sembra già di sentire le critiche che ci pioveranno addosso per aver usato un personaggio di un gioco vecchio, che per giunta non è neppure un classico... a noi Bob sta simpatico, e questo e' sufficiente. Abbiate fiducia in Cymon, il nostro mago della sceneggiatura.

Per la sezione Final-Fantasy-Music:
Questa settimana vi propongo un brano che non è tratto da FF, bensì da un altro gioco Square: Xenogears, di cui recentemente e' uscito il remake. Xenogears e' una di quelle cose che si ama o si odia senza vie di mezzo. La musica però e' indiscutibilmente bella, e uno dei pezzi migliori e' questa... Emotions. Si tratta di una melodia serena, nel classico stile degli RPG per console, e vi ritroverete a fischiettarla per settimane dopo averla sentita. Siete avvertiti.

“The Target, Eva Units Two and One, all missing. Cannot connect to the pilot.”

Lo-Rez: arte, storia, web design
23 . 03 . 2002

Tutti quanti abbiamo un angeeelo...

...angelò [Spero che nessuno colga il riferimento musicale del titolo perchè altrimenti la mia immagine cyberpunk-dark-moltkattiv potrebbe uscirne danneggiata]
Dopo un periodo di stasi il parco personaggi della tana si arricchisce di un nuovo elemento. Ebbene si, Bob, l'angioletto di Messiah, ha raggiunto sul carismometro un livello sufficienemente alto per incarnarsi (o incartarsi, per la precisione) tra le pagine digitali del nostro fumetto. Considerando che ci avviciniamo a Pasqua e sono mesi che non muoviamo un dito per qualche festività direi che calare l'angelo sia una mossa abbastanza coerente anche quando è politically uncorrect come quello della Shiny (per avere un ancor più bassa considerazione di lui, comunque, c'è sempre la biografia). Il personaggio di Bob aggiunge oltretutto un bel tocco di sovrannaturale al fumetto, permettendoci di annoverare tra le svariate armi del coniglio pure qualche miracolo.
Se devo essere sincero l'angelo videoludico a cui sono più affezionato è il Malachi di Requiem. Quel gioco magari era un pochino facile però ammazzare la gente tramite gli svariati superpoteri angelici era uno spasso assolutamente trascendentale (anche se lo facevo canticchiando la canzone di qui sopra...vabbè). Bob, però, possiede sicuramente una caratterizzazione molto più decisa del suddetto vendicatore e quindi ha più facilità a sguazzare nelle intricate trame che siamo soliti intrecciare da queste parti.
Mentre cerchiamo di elevare il nostro spirito e la nostra immagine rivolgendoci ai cherubini, però, ci sono altri che ci accusano di crimini mai compiuti secondo logiche abbastanza oscure. L'inquisizione di Wind, infatti, sembra decisa a mettere qualche fascina molto infiammabile sotto lo spazio web da loro concessoci ai tempi della prima tana del coniglio. Vorrei dire che stiamo parlando di storia, ma qui si tratta di vera e propria archeologia, visto che la nostra vecchia pagina web è diventata un redirezionatore già dall'inizio di giugno dello scorso anno (quando ancora eravamo seguiti da venti persone, onore e gloria a loro!). Come mai oggi al nostro vecchio provider sia girata la ciribiricoccola di chiuderci è un mistero su cui stiamo indagando. E' evidente che di quello spazio web non ci facciamo più niente però per principio non ci sembra il caso di mollarlo così senza una spiegazione. L'innocenza non è un alibi, mi sta anche bene, però almeno due righe sui perchè e i per come credo che ce le meritiamo. Per commemorare comunque i nostri antiqui lidi riporto il nostro vecchio link.
In tema di caccia alle streghe vorrei dire che non ho ancora capito se devo ridere o piangere riguardo alla vicenda Mafia di cui già avevo avuto modo di leggere su TGM tempo fa, e che, noto su GameOff, tiene ancora banco oggi. Ogni tanto ho piacere di allineare battute caustiche su cose del genere, ma nel frangente sarebbe sparare sulla croce rossa col solito Dragunov caricato a proiettili dum-dum, quindi mi astengo. Voglio solo dire che se l'antimafia non riesce a distinguere la nostra criminalità organizzata (e tutto il male che si porta) da una ricostruzione degli Stati Uniti anni '30 (oltretutto filtrata da tonnellate di - ottimo - cinema) tanto vale che emigro in Svizzera. A volte mi illudo che con la massificazione del nostro mercato la gente abbia meno voglia di demonizzarlo e invece periodicamente saltano fuori antichi pruriti...bha...
La conclusione dell'editoriale appare stavolta assai difficile perchè ho difficoltà a trovare qualche frammento estemporaneo di informazione da darvi in pasto. Forse posso accontentarmi di ringraziare tutti quelli che mi hanno fatto gli auguri di compleanno (argh!) nel forum e avvertirvi che stiamo preparando i nostri mezzi da sbarco per invadere una nuova spiaggia del network e continuare la nostra opera di infestazione...

Come richiesto nel forum:

"Pronto e Beauty si sono sposati e hanno messo su un officina.
Lui trucca le auto, lei le pettina"
Ovviamente Stefano Benni, "Il bar sotto il mare"

P.S. Psssssst, pssssssst, non dite in giro che ve l'ho detto io, ma settimana prossima vi consiglio di accorrere al sito numerosi perchè mettiamo in atto un Grande Progetto, un progetto di quelli con la P maiuscola e le t in grassetto...avvertite più gente possibile!
P.P.S. Ehi, ma è assolutamente disgustoso cercare di attirare utenti con discorsi così sibillini! [campagna per l'abolizione dell'hype immotivato e privo di fondamento]

Cymon: testi, storia, site admin
Precedente Successiva

Follow The Rabbit © 2001 Simonazzi /Farè
Tutti i contenuti del sito sono su licenza Creative Commons
All'inseguimento del Coniglio Bianco sin dal 2001 — Tanto Non Lo Facciamo Per Voi™
XHTML1.0 Strict, CSS2.0, DOM1, RSS2.0