Strip
416
13 . 06 . 2009

Pedigree

Altra settimana, altra strip, altra dose di Clara in tailleur grigio: la sua uniforme da PR professionista. Certa gente ha bisogno di dosi di Clara regolari, come di acqua nel deserto.
A proposito, occorre rettificare quanto detto nell'editoriale scorso: Jade Raymond, la bella producer, a quanto pare sta seguendo con la solita passione e professionalità (?!) lo sviluppo di Assassin's Creed 2... solo non è più al centro dell'attenzione. Da un lato è incoraggiante per la qualità del prodotto finale, dall'altro però mi dispiace un pochino.

Mi porto dietro ancora qualche strascico dalla fiera di Los Angeles della settimana scorsa, che prontamente andrò ad affrontare. En passant è stato annunciato Final Fantasy Quattordici... e sul “XIV” il mio cuore ha mancato un battito.
Purtroppo è una mezza finta, uno scherzo crudele, perché dopo l'XI anche questo sarà un MMORPG, un dannato gioco online che imbastardisce la dinastia sacra! Non si può, NON SI PUÒ giocare così con i sentimenti delle persone! Queste sono cose serie! Questi numeri cardinali non si possono affibbiare alla leggera al primo giochetto che passa: la serie principale di Final Fantasy va mantenuta pura, per l'eternità!
Il video è carino.
Cerchiamo di distrarci rivolgendo il pensiero all'ultimo trailer di Final Fantasy XIII, quello vero, che ci mostra un paio di nuovi personaggi, tra cui una generalessa bionda con gli occhiali che ha il potenziale per sorpassare in popolarità tutte le altre... nelle fanart hentai.

Altri commentatori l'hanno già indicato come il titolo più toccante di tutto l'E3, e non posso che essere d'accordo: The Last Guardian pare un'esperienza spirituale unica. Dai creatori di Ico e Shadow Of The Colossus, ovvero i due giochi più acclamati tra i palloni gonfiati che si danno arie da intellettuali nel settore videoludico.
Il fatto è che questa roba è commovente per davvero. Gli ingredienti sono ormai classici: un tizio in un posto solitario e silenzioso, qualche grossa bestia che in questo caso però sarà amichevole, e un gameplay mirato a toccare le corde dello spirito piuttosto che alle solite smargiassate. Lo compreranno in tre, come al solito, ma saranno tre clienti soddisfatti.

Lo-Rez: arte, storia, web design
13 . 06 . 2009

Non pervenuti

La strip odierna è ispirata a un fatto vero. Nessuno ha mai infatti creduto che i Westwood abbiano inserito un cheat in base a cui è possibile fare vagonate di soldi distruggendo sacchetti di sabbia, ma così è stato spacciato dopo un po'. Il discorso di trasformare bug in cheat non è una questione strettamente legata al mondo del videoludo, ma ha applicazione nel più vasto (ma non meno fulminato) regno dell'informatica. Qualsiasi bug che sopravvive ad abbastanza release, infatti, diviene una feature.
Sono nuovamente in una crisi da pagina bianca e la vicenda è preoccupante. La cosa maggiormente preoccupante è che finisco in questi passaggi a vuoto soprattutto in concomitanza con le fiere quando, in realtà, dovrei essere pieno di cose da dire. Il cervello umano è un hardware strano, il mio è stato anche progettato dall'azienda coreana sbagliata. Il mio stato, più generalmente, è logoro, tanto che non ho il coraggio di riprendere in mano Timeshift, che pure mi aspetta al varco per essere completato. Timeshift è un gioco facile, ok, ma non si può dire che è propriamente breve, almeno all'ultimo livello di difficoltà.
Qualcuno che non pensa solo ai videogiochi potrebbe aver notato un'altra preoccupante assenza da questo editoriale, ovvero l'assenza di una recensione o di qualsiasi accenno al film di Star Trej firmato da Geigei Abrahms. Il motivo per cui la pellicola in questa colonna è passata sotto silenzio è dettato dal fatto che non la ho vista e in verità non è nemmeno che ne sia stato tanto dispiaciuto. Appartengo a quella ristretta e emarginata schiera di fan che considerando l'opera di Geigei sacrilega quindi di certo non mi sono messo in fila all'anteprima temendo di morire prima di vederla. In verità, se avessi recuperato qualcuno per andarlo a vedere, magari lo avrei anche guardato volentieri, ma non conosco abbastanza nerd avvelenati in quel senso e voglia di proporlo proprio non ne avevo, motivo per cui non se ne è fatto niente. Ho però alcuni feedback dall'ambiente e devo dire che alla fine mi sembra che l'impressione risultante sia abbastanza in linea con le mie aspettative: il film è bello e tamarro, pure divertente se vogliamo, ma non è Star Trek e pure divertendo per un paio d'ore di certo non ricorda niente della Saga. Ergo per cui tanto valeva chiamarlo Franco e non fare un'astrovane con le gondole a curvatura. Ma, si sa, nel cinema i simboli cominciano a scarseggiare.
In compenso (guarda quanto è bizzarra la vita) sono andato a vedere Angeli e Demoni portandomi dietro il mio cordiale odio per Dan Brown. Il risultato è che mi è piaciuto di più del Codice da Vinci, anzi, probabilmente se il libro mi fosse accidentalmente finito sotto le mani lo avrei anche letto e trovato interessante. Le idee di questa opera sono decisamente meno consunte di quelle dell'altra, anche se quasi tutte le conclusioni a cui si giunge e tutte le svolte sono in realtà mortalmente idiote. Ma sono abbastanza vaccinato per sopravvivere a delle imperfette idiozie. Questo film ha fatto tirare fuori da una cassapanca un vecchio vizio, vi saprò dire.
Per quello che riguarda la scena anime sono decisamente più sul pezzo, sto addirittura guardanto qualcosa di attuale, che non è stato ancora completamente fansubbato, il che mi rende decisamente trendy. Ovviamente ve ne parlerò solo a opera finita, quindi qui non ne farò cenno. Intanto però mi sembra carino riportare la notizia che Code Geass andrà in onda su RAI4. E' già la seconda volta che questo canale mi fa pentire di non avere il digitale terrestre. Potre criticare così, a priori, per piacere personale, il doppiaggio e i tagli che verranno fatti, ma non mi interessa. Ormai sono commosso dal fatto che un anime che ho visto possa passare su un canale che non sia per forza MTV. Dopotutto nella mia infanzia tutti i cartoni migliori passavano per questo tipo di reti. Spero di poter sentire al più presto la sigla tradotta, tanto per intristirmi. Fortunatamente già le originali non brillavano (a parte forse la prima opening di R2).
Dentro TGM: universe at war. Può essere che lo installi.

“Aprendo il messaggio di posta elettronica potete provocare la fine del mondo. Inutile dire che tale evento cancellerebbe completamente il vostro disco fisso e danneggerebbe irreparabilmente il computer.”

Cymon: testi, storia, site admin
Precedente Successiva

Follow The Rabbit © 2001 Simonazzi /Farè
Tutti i contenuti del sito sono su licenza Creative Commons
All'inseguimento del Coniglio Bianco sin dal 2001 — Tanto Non Lo Facciamo Per Voi™
XHTML1.0 Strict, CSS2.0, DOM1, RSS2.0