Strip
379
27 . 09 . 2008

The Long Ear

Di solito facciamo webcomic, ma questa settimana abbiamo un contenuto bonus da offrirvi: un videogioco di ruolo 2D.
È gratis, come tutta la roba di FTR, e questa è forse l'unica ragione che mi viene in mente per invitarvi a scaricarlo. Per il resto infatti si tratta un accrocchio messo insieme con mezzi di fortuna, prodotto nonostante RPG Maker 2000, rubacchiando a piene mani musiche MIDI e sprite a 256 colori dai gloriosi RPG giapponesi degli anni '90.

Si racconta che quando qualche anno fa venne il momento di smantellare un mainframe IBM in servizio presso il MIT dagli anni '60, fu scoperto un task ancora pendente che era stato schedulato oltre 30 anni prima.
FTR: The Long Ear ha subito più o meno la stessa sorte: il progetto iniziò 6 anni fa, un povero umile task a priorità ancora più bassa della normale manutenzione di FTR (ovvero realizzare due strip a settimana), che a sua volta è a priorità più bassa di tante altre attività che occupano le vite di noialtri autori... non vi meravigliate dunque se c'è voluto tanto tempo per portarlo a termine: gli abbiamo dedicato i ritagli di un tempo libero sempre più compresso, e ci siamo presi luuunghe pause di riflessione nel frattempo.
In questi 6 anni, comunque, non abbiamo mai permesso che il sacro fuoco si spegnesse: per quanto ci siano stati momenti grigi, vuoti d'ispirazione, periodi di nero sconforto a causa delle cose del Mondo, abbiamo sempre serbato nel palmo della manina pacioccosa la fiammella della vita di TLE. Era davvero fragile e appesa a un filo, la vita di TLE, forse anche più delle altre vite, però la sua storia ha avuto almeno un lieto fine.
Ce ne siamo dimenticati spesso, l'abbiamo trascurato, l'abbiamo disprezzato nonostante fosse la nostra creatura, gli abbiamo voltato le spalle quando implorava un po' d'attenzione, l'abbiamo odiato perché si succhiava tutto il nostro tempo, ma non ci siamo mai potuti lasciare. Avevamo bisogno l'uno dell'altro, anche se non c'è stato mai amore.
Ma forse sto divagando.

Il periodo di gestazione di un essere vivente è direttamente proporzionale alla sua complessità e alla complessità delle cose che deve imparare per sopravvivere. Non so davvero spiegarmi perché dunque The Long Ear ci abbia messo tanto. Non è mai stato realizzato per la competizione, visto che a differenza di altri colleghi non abbiamo mai nutrito la benché minima speranza di entrare nel Business, e neppure l'interesse. Il nostro motto è che Tanto Non Lo Facciamo Per Voi™, e riguarda naturalmente anche questo giochetto: siccome ci occupiamo di videogiochi, un bel giorno ci è venuto in mente che poteva essere carino farci il nostro gioco.
Non ricordo come venne fuori la cosa, ma uno di noi due deve aver avuto l'idea sciagurata e malsana di affidarci a RPG Maker 2000 come strumento per la nostra opera. D'altronde non c'erano alternative. Chissà, forse nel 2002 quel miserabile rottame di software sembrava persino decente.
All'inizio le nostre ambizioni erano follemente esagerate, come accade sempre all'inizio di tutti i progetti qui a FTR. Circa un anno fa ci siamo resi conto che bisognava ormai finire ad ogni costo, e si è cominciato a tagliare. Abbiamo tagliato e tagliato, e quel che resta oggi è uno sbiadito fantasma rispetto ai nostri sogni di gioventù: è stata una lezione interessante e quando incontro un videogioco con un finale affrettato, o un netto calo di qualità negli ultimi livelli, posso solo sorridere amaramente: nel mio piccolo, li capisco.

Non parlerò oggi di trama o ambientazione, per non rovinarvi anche quel magrissimo godimento che potete trarre dal gioco. Secondo me è FTR al 100%, strapieno di riferimenti da Veri Videogiocatori e delle ossessioni che negli anni ci hanno segnato... tanto basti. Noi ci siamo divertiti a farlo, di voi e della vostra esperienza di gioco poco c'importa.
The Long Ear non necessita di installazione, estraete il malloppo e cliccate sull'unico .exe che trovate. Se avete una qualunque versione di Windows dal 95 in poi il gioco dovrebbe funzionare, magari farà un po' di capricci con le risoluzioni widescreen, o con i permessi di Vista... considerate anche questo come un piccolo omaggio nostalgico, ai tempi in cui videogiocare richiedeva sempre una fase di smanettaggio più o meno irritante. Oppure stramaleditemi, impotenti nella solitudine della vostra stanzetta, e ascoltate i .midi inclusi nella cartella per consolarvi.
Sentitevi liberi di commentare sul forum le vostre esperienze. Ci risentiamo.

Lo-Rez: arte, storia, web design
27 . 09 . 2008

OMG!!!11!!SHIFTONE1!!ONE!!!11

Come sapete non sono solito sperticarmi in esclamazioni tutte acronimi da nerd quindicenne senza futuro, anzi, conoscete abbastanza la mia vena powered by Zanichelli. OMG però è l'unica cosa che sintetizza la montagna di emozioni e sensazioni che si ammassano dentro di me in questo momento, che è il momento del rilascio di The Long Ear.
La pagina dedicata scandisce bene le poche milestone del progetto e ricorda che esso è stato annunciato al mondo ormai sei anni fa. Se è vero che FTR è un fumetto vecchio con i suoi 7 anni e mezzo di attività converrete che TLE ha a sua volta delle rughe piuttosto profonde. Bhe, in verità, quando Newell cacciò fuori Half-Life 2, dopo un parapiglia di date d'uscita d'antologia, fu il primo a dichiarare che era perfettamente naturale metterci cinque anni per realizzare un videogioco. Converrete però con me che lui parlava di HL2, noi di TLE.
The Long Ear è un'idea che ho avuto quando mi sono avvicinato (sciaguratamente) per la prima volta a RPGMaker2000, quando lo trovai allegato a TGM. Esso mi parve subito la sintesi assoluta di Follow the Rabbit, un JRPG con pixelart di una volta reimpastato con una sceneggiatura che scendeva in profondità nella storia del coniglio, fornendo un nuovo significativo pezzo della sua biografia. Esso non era, ai tempi, un progetto, esso era una visione, un miraggio, una manifestazione ectoplasmica. Lo-Rez, quando glielo proposi, si disse subito disposto alla realizzazione e da lì sono cominciate le infinite sessioni di scripting e disegno con uno dei tool (il suddetto RPGM2k) più stramaledettamente scomodi e mal fatti mai prodotti su questa terra, una vera e propria guerra di nervi per l'inserimento delle cose più stupide e banali. TLE ha attraversato periodi di fulgido entusiasmo e allo stesso modo è caduto in baratri di profonda apatia, è stato una passione e un odio dall'inizio alla fine, ma ora che è tutto realizzato e rilasciato sono sicurissimo che ne sia valsa la pena. Se venissero a chiedermi se rifarei tutto io risponderei si! Si! Si! Rifarei tutto dalla prima all'ultima schermata. Con un altro editor.
Perché dovreste scaricare TLE? Non c'è un solo motivo sensato, a dir la verità e la cosa è coerente col fatto che pure lui non l'abbiamo fatto per voi. Eppure potreste essere curiosi di scoprire come il coniglio ha conosciuto i Koniglietti Kommando. Oppure potrebbe sorgervi il dubbio che Cloud, dopo tanto stare lontano dalle scene, non sia più poi un grande eroe da RPG. Magari siete tra quelli che si sono rigiocati Final Fanasy 1 e 2 nei remake GBA e si sono lamentati che il gameplay e la grafica non erano proprio legnosi e scialbi come nell'originale e volete qualcosa che sia funestato da combattimenti casuali. Potrebbe anche valere il richiamo di camminare per verdi praterie con il sottofondo della colonna sonora di Chronotrigger o invece, perché no, oso, potreste essere curiosi di sentire tutte le oscide battute messe in bocca agli innumerevoli personaggi incontrati dai nostri eroi.
TLE è tutto questo, tutto questo vedrete. Non il sangue, il sudore e le lacrime, ma dicono che quelli, comunque, non sono granché per promuovere un gioco. Spero che riuscirete a cogliere la passione con cui è stato fatto e con cui è stato vissuto, perché in qualche modo ci è passato attraverso, è divenuto uno dei fili d'imbastitura della trama dello spirito del tempo che si respira qui nella tana. E' stato studiato appositamente per non tediarvi troppo e non essere mortalmente complesso, così da non impegnarvi e lasciarsi finire, ma anche così spero che riuscirete a cogliere il respiro delle avventure del passato, fatte rivivere in un contesto magari un po' particolare, ma in cui spero vi trovere a vostro agio.
TLE appartiene saldamente alla continuity di FTR, gran parte degli avvenimenti narrati devono porsi prima di GTR (compresi i flashback di Genesis) e tutto è ritenuto canon. Questo vi permetterà di rinfacciarci a piacere qualunque inesattezza vi troverete dentro. Vi devo però già avvertire che i klingon hanno una cresta uguale uguale a quella che c'è nelle strip.
Non è l'ultima volta che vi parlerò del videogioco, tra un mesetto penso che rilascerò la prima folle stesura, un mattone da 12 livelli pieni di azione e sequenze cinematografiche da far impallidire MGS4, un oggetto che è stato decurtato quando si hanno avuti riscontri delle effettive tempistiche necessarie per il progetto. Per oggi però basta, vi lascio al download e all'avvio. Spero funzioni tutto, non per orgoglio d'informatico, visto che RPGM me lo ha già svilito abbastanza, ma perché sinceramente mi piacerebbe che vi godeste senza intoppi l'avventura, perchè è un'avventura seria, un'avventura per uomini duri, un'avventura per Veri Videogiocatori, un'avventura dalle lunghe orecchie.

“Riempire uno storage a 128-bit dovrebbe richiedere più energia che bollire gli oceani ” - Parlando di ZFS

P.S. Un ringraziamento affettuoso al covo degli sbronzi che ha partecipato come guest star in un livello e ha dovuto aspettare tutti questi anni per rivedersi. Sarà un caso, non sarà un caso, hanno ripreso a pubblicare proprio da poco.

Cymon: testi, storia, site admin
Precedente Successiva

Follow The Rabbit © 2001 Simonazzi /Farè
Tutti i contenuti del sito sono su licenza Creative Commons
All'inseguimento del Coniglio Bianco sin dal 2001 — Tanto Non Lo Facciamo Per Voi™
XHTML1.0 Strict, CSS2.0, DOM1, RSS2.0