Strip
313
09 . 06 . 2007

Solo e sempre lei

Questa settimana torniamo nel cupo e fumoso antro degli Ingegneri delle Tenebre, e abbandoniamo Bob spaparanzato su spiagge assolate. I nostri programmatori in camiciola bianca sono, come al solito, impegnati a tessere le loro trame malefiche o (a seconda dei punti di vista), tentano disperatamente di difendersi dagli attacchi portati dal Personale Commerciale / Amministrativo. Noialtri, si sa, siamo un po' di parte, e propendiamo per la seconda.
Comunque sia, immancabilmente continuano a filtrare nuovi dettagli su Starcraft 2, che quasi mi fanno rimpiangere quell'aura di mistero che dovrebbe ammantare ogni titolo prima dell'uscita. C'è questa intervista agli autori del filmato promozionale, che svela dettagli tecnici impressionanti, ma in sostanza non dice nulla che non sapessimo già: Blizzard fa le cose per bene, e ha i mezzi per farlo.

Ma trasferiamoci sulla sponda orientale dell'industria, perchè c'è un certo Ragnarok Online 2 che dà segni di vita. E in questo caso il mistero è forse troppo fitto, dato che gli ideogrammi coreani formano tuttora una barriera impenetrabile attorno al seguito dell'MMORPG più popolare di tutto l'Oriente. Il passaggio dal 2D al 3D mi fa versare una lacrimuccia di rimpianto, d'altra parte vivamo in un brutto mondo, e siamo soggetti alle sue regole.
Per fortuna pare che la perversione che caratterizzava l'originale sia rimasta intatta, se non perfino amplificata dalle nuove movenze, balletti e gesti maliziosi vari. Anche l'arte sembra mantenere le aspettative altissime che è lecito avere su un qualunque RPG coreano, sebbene Massivamente Multiplayer. Lo stile ultra-grazioso e super-deformed rende molto bene anche nei modelli tridimensionali, per fortuna, e poi sono curioso di vedere le altre due razze annunciate oltre agli umani.
L'altra mia scoperta della settimana riguarda questa classifica dei personaggi più popolari sulla sezione dedicata ai videogiochi di Yahoo! Japan. Innanzitutto è possibile reperire illustrazioni a una risoluzione più che decente, e poi c'è il valore educativo di una simile classifica: è come uno spaccato sulla società nipponica contemporanea. E, inutile dirlo, il Giappone non ci fa una gran figura... la quasi totalità dei personaggi sono esseri di genere ambiguo, oppure sex-symbol da pervertiti. Ovviamente la classifica è dominata dai personaggi di Square Enix, in particolare da FF XII: Revenant Wings, uscito da poco.
Chi avesse seguito questi editoriali negli ultimi mesi probabilmente sa dove voglio andare a parare: chi ci sarà mai, infatti, saldamente ai primi posti della classifica? Chi, se non lei, lei e soltanto lei!
Il fascino di Fran (in versione hentai o liscia) travalica i confini delle generazioni e unisce grandi e piccini con gli occhi a mandorla in un'unico coro adorante! Tutti stravedono per la coniglietta col completino in acciaio lavorato, ormai divenuta la vera icona della femminilità videoludica... l'icona hardcore, naturalmente, e lasciate pure Lara alle masse ignoranti. Non per nulla “fran hentai” (e varianti sul tema, che non riporto per pudore) risulta la query più popolare in assoluto tra i nostri contatti, e nei log del nostro server supera di molto qualunque altro referer... non oso pensare a cosa accadrebbe se questo sito offrisse davvero quello specifico materiale!

Lo-Rez: arte, storia, web design
09 . 06 . 2007

Cowboy dell'IT

Un giornalista particolarmente sveglio ha fatto ubriacare Steve Jobs e Bill Gates e li ha convinti a girare lo scandaloso "I pirati di Brokeback Mountain". Sembra incredibile, ma da un tale delirio sono uscite sparate che potrebbero interessare anche a noi, tipo questa. La lungimiranza di Gates e le sue capacità di prevedere il futuro non mi sono, in verità, mai sembrate eccezionali, più che altro mi è sempre sembrato che non abbia mai detto niente di clamoroso o circostanziato, ma abbia semplicemente anticipato il punto in cui l'onda del momento sarebbe arrivata. possibilmente quando questa era già in vista all'orizzonte. Non mi sembra, questo, un caso molto diverso. Piuttosto carina la sua obiezione al fatto che già il wiimote è una racchetta da brandire, che si può riassumere semplicemente in "si... però... ci sto... non so... il mio è più meglio perchè lo dico io". A conti fatti, in verità, considerando il ricettacolo di interfacce buffe che è la console Nintendo e dando fiducia al Playstation Eye (senza dimenticare il sixsssxsxsx), la XBOX360 è l'unica console che non ha ancora speso niente in sistemi di controllo d'avanguardia, facendo passare Gates per quello che predica bene e razzola male.
Questo articolo sembra aver stimolato nuovamente la gente a parlare del Phantom. E' probabile che voi, pur essendo Veri Videogiocatori, non abbiate mai sentito questo nome tra le console, visto che il giocattolo, ligio al marchio, è stato più che altro un spettro che ha attraversato la ludosfera senza mai toccare terra. Sembra che questa traversata sia costata 73 milioni di dollari e che molte cose buffe siano accadute nel frattempo, ma la cosa che più mi lascia perplesso è chi può concepire un progetto del genere, soprattutto in occidente, e sperare che arrivi da qualche parte. Diversi anni fa dissi che quello dei videogiochi era uno dei pochi mercati che si possa considerare genuinamente globale, visto che i flussi di oggetti abbracciano praticamente qualsiasi rotta ed è assurdo parlare di realtà locali, ancor più assurdo che farlo per mercati persino più solidi come quello automobilistico. Una conseguenza di questo ambiente sterminato è che le spalle che devi avere per entrarci devono essere grosse, enormi persino, gigantesche. Non è un caso che le ultime due etichette che lo hanno fatto siano state Sony e Microsoft e già una realtà come Nokia si sia schiantata contro un muro. E' evidente che farlo partendo dal nulla e con forze raccogliticce è contrario ai più basilari principi di buon senso, a meno di poter contare su un mercato di adolescenti coreani (e adolescenti coreane, naturalmente) o qualche altra folla incline all'idolatria videoludica. Diamine, almeno il Gizmondo aveva dietro la mafia!
Bene, come noterete la strip della settimana è notevolmente preziosa, in quanto vi dà qualche dritta su come DIFENDERVI dagli ingegneri sfruttando la loro forma mentis. Non abbiamo deciso di tradire la Razza, ovviamente, ma se persino il Bene Tleilaxu lascia sempre una via d'uscita alle sue vittime crediamo che anche noi dibbiamo concedervi una possibilità, almeno finchè la Specifica Tecnica del Piano di Conquista del Mondo non sarà finalmente completa. Allora, sfortunatamente per voi, il giorno del Grande Rilascio, non vi sarà più speranza per nessuno.
Che ci crediate o no l'editoriale termina qui perchè questa settimana è stata troppo maledetta perchè io possa andare oltre. Spero che finalmente la bella stagione porti una qualche calma, mi permetta di ritemprarmi e di ritrovare fiducia nell'informatica, perchè quello che ho visto in questi ultimi giorni me l'hanno fatta completamente smarrire.

“Tycho: I doubt it. We prefer to work with adults.”

Cymon: testi, storia, site admin
Precedente Successiva

Follow The Rabbit © 2001 Simonazzi /Farè
Tutti i contenuti del sito sono su licenza Creative Commons
All'inseguimento del Coniglio Bianco sin dal 2001 — Tanto Non Lo Facciamo Per Voi™
XHTML1.0 Strict, CSS2.0, DOM1, RSS2.0