Strip
123
06 . 09 . 2003

Focus shifting

Questa è la prima volta che scrivo dopo le mie vacanze, visto che l'editoriale scorso vi e' pervenuto tramite una distorsione del continuum spazio-temporale (ho conoscenze altolocate, io).
Sono stato nel 2,3% del territorio nazionale non coperto dai servizi di telefonia mobile, lontano per quanto è possibile da computer e console. L'ho fatto per riscoprire quanto e' importante per me la Gaming Industry, e in questo senso credo sia servito: anch'io come Cymon sono pronto per un nuovo anno di divertimento elettronico e per un nuovo anno di FTR. Era un pezzo che non mi sentivo così eccitato per FTR, la Rivoluzione di qualche tempo fa e' stata un passaggio di livello importante, ma e' solo da ora in poi che cominceremo a usare sul serio le nuove feats che abbiamo acquisito. A partire dalla prossima settimana ne avrete una dimostrazione.

In tre settimane succedono parecchie cose, soprattutto in questo settore, e sto ancora cercando di rimettermi al passo: di seguito ci sono le cose che mi hanno colpito di più.
Che ne dite di uno sparattutto a scorrimento per PC? Realizzato da Majesco? Evidentemente, quando ho espresso questo desiderio alla stellina cadente, qualcuno mi ha ascoltato... Blowout dovrebbe uscire nel 2004, incrociamo le dita.
Dopo aver visto gli ultimi sviluppi di XIII e Killer 7, credo di poter tranquillamente aggiungere anche questi due titoli PC alla Lista della Spesa che avevo compilato prima delle vacanze. E poi c'è Final Fantasy Tactics Advance, che ufficialmente esce tra un paio di giorni, anche se grazie alla lunga mano dell'illegalità io lo sto giocando ormai da una settimana. Riguardo all'emulazione ho un mio codice morale: non uso ROM di titoli che sono in vendita. Questo significa che i giochi o sono molto vecchi, oppure sono così recenti che devono ancora uscire. Non mi pare ci sia nulla di malvagio in tutto ciò, a parte il fatto che ora sono impegnato in una corsa contro il tempo per finire FFTA entro il 9 settembre...
Ci sono tanti altri argomenti che varrebbe la pena di citare (su tutti Disgaea), ma vorrei far spazio per qualcosa che compare raramente in questi editoriali. Vorrei parlare di giochi per PC, anzi, del Paradigma per eccellenza dei giochi PC: DOOM.

Non è mai stata mia intenzione allontanarmi dal settore PC, sia chiaro, e lo spostamento progressivo della mia attenzione verso le console (e di conseguenza l'Oriente) e' avvenuto quasi senza che me accorgessi. Considerato che ho raramente la possibilità di giocare giochi per console, mentre possiedo un PC equipaggiato per il videoludo, questo e' un fatto strano: il mio rapporto con i videogiochi sta diventando sempre più platonico. Me ne sono reso conto anche quando sono tornato dalle ferie: avevo nostalgia dell'ambiente videoludico, degli screenshot e degli artwork, ma non tanto di giocare personalmente.
Cred che l'unico rimedio stia in giochi eccellentissimi, tanto magniloquenti da farmi ritrovare la voglia di pigiare tasti. La buona notizia è che di questi giochi all'orizzonte se ne vedono parecchi: al momento sto pensando ad Half-life 2 (oltre che a FF, ma e' superfluo precisarlo). Però mi piace pensare che sarà il nuovo titolo di id Software ad operare la mia conversione... dopotutto, e' stato con Doom e Quake che e' cominciata la mia storia con il PC. Sarebbe come chiudere un cerchio.
Quando ripenso al tempo speso su Quake, sia in singolo che in multi, mi soprendo sempre. Ragazzi, ero veramente ossessionato. Ancora oggi potrei disegnarvi a occhi chiusi la planimetria dettagliata della e1m5, e ho ben presente ogni singolo pixel dei corridoi di dm4. Oggi mi sembra un gameplay un po' primitivo, ma non perchè il genere degli FPS nel frattempo si e' evoluto: anzi, in 9 anni non e' cambiato quasi nulla. Ad evolversi sono stati invece altri generi, che hanno lasciato nella polvere i cari vecchi First Person Shooter di una volta.
DOOM 3 mi affascina con questo suo misto di tecnologia cutting-edge e filosofia vecchia, quasi antica ormai. Non è affatto sorprendente, tutti sappiamo che questo e' esattamente ciò che possiamo aspettarci da id Software. In un certo senso e' molto rassicurante: c'e' un gran bisogno di punti fermi in questa Industry impazzita. Se anche id avesse tradito se stessa, le proprie origini, per inseguire la moda degli elementi "tattici", delle sequenze di azione "stealth", del multiplayer di massa... io personalmente l'avrei odiata, per questo. Insieme a se stessi avrebbero tradito anche me, che i loro giochi li ho giocati con passione.
Apprezzo molto che John Carmack e soci abbiano deciso di continuare imperterriti sulla loro strada, perchè quella strada e' veramente la loro. Tutti gli altri si sono limitati a scimmiottarli, e ai primi segni di cambiamento nei gusti del pubblico hanno abbandonato il genere così come l'avevano accolto. id Software invece e' legata indissolubilmente agli FPS, non sarebbe giusto attendersi proprio da lei un cambiamento della formula. Sarebbe crudele, in un certo senso.
Le interviste a John Carmack sono le uniche che seguo con interesse, perchè sono tra le poche davvero sincere. Il nostro uomo alla Quakecon finita pochi giorni fa ha ammesso di sentirsi prigioniero dell'eredità che si e' costruito con Doom; id Software lavora su un solo titolo per volta, e non possono permettersi azzardi. Secondo lui la vera innovazione verra' da titoli a basso budget, da compagnie esordienti che non hanno nulla da perdere. Il fatto ironico e' che id Software stessa e' stata una di quelle compagnie, tanto tanto tempo fa... mentre ora si ritrova dalla parte opposta.
Bè, a me sta bene. Non sono così dannatamente ipocrita da disprezzare id per quello che e' diventata, come sento fare molto spesso. Anzi, la ammiro sempre di più, perche' a volte ci vuole piu' coraggio a restare fermi che ad andare avanti. C'e' bisogno di softwarehouse con un'idea in testa, chissenefrega se e' un'idea un po' datata, un po' ingenua... io sono convinto che se lo vogliono davvero, se lo desiderano con abbastanza forza, DOOM 3 potrà essere un grande gioco. Se sara' brutto, almeno dipendera' da scelte che sono state fatte consapevolmente (multiplayer a 4 giocatori, senza poter entrare a partita iniziata? Armi tutte gia' viste?), non dalla mancanza di talento. E questo e' gia' molto piu' di quanto si possa dire per la maggior parte delle softwarehouse in giro.

E poi scusate, ormai è passato tanto tempo dall'ultimo vero FPS classico che DOOM 3 potrebbe persino essere una perla di originalità, in mezzo a tutti questi ibridi fiacchi alla Red Faction. Il secondo avvento di DOOM potrebbe purificare un mondo corrotto da mode estemporanee, e tornare a mostrare la vera Via degli FPS. DOOM 3 e' il mio sacro Graal videoludico. Io ci spero davvero.

“Q: Are you going to retire after DOOM 3?
A: No. I've got at least one more rendering engine to write.”

Lo-Rez: arte, storia, web design
06 . 09 . 2003

Ectsagerare

Lo so, lo so, il giorno che finirò gli orribili giochi di parole con l'ECTS farete tutti una festa. Scusate, sapete come sono fatto, ho delle ECTSigenze...(uaz uaz uaz).
Comunque non avete di che preoccuparvi, non parlerò molto della fiera, devo confessare di non averla seguita molto come, negli ultimi tempi, non seguo più le fiere in generale. Una volta le uscite dei videogiochi erano prevedibili come le maree: a settembre cominciavano a crescere, a natale ci eri sommerso fino alle ginocchia, l'onda rimaneva stabile fino circa a marzo e poi l'onda cominciava a scemare finchè per l'estate ti ritrovi completamente in secca. In quest'ottica le due fiere aveva un ruolo ben preciso, l'E3 scriveva la stagione successiva, l'ECTS la concretizzava. Un meccanismo da orologio.
Oggi i giochi escono tecnicamente quando gli pare, ma non nel senso di quando pare agli sviluppatori, no, no, nel senso di quando gli pare ai giochi stessi. I giochi hanno vita propria al giorno d'oggi, i programmatori ormai devono solo domarli a suon di frustate e infilarli nelle scatole, ci sono giochi feroci e giochi mansueti, i giochi molto grossi sono pericolosi, ho visto dei grafici senza un braccio perchè ha cercato di accarezzare l'ultimo livello di Doom3, i giochi piccoli a volte si infilano da soli nelle scatole e si buttano nei negozi, tanto per attirare l'attenzione. Comunque sia, avrete capito la metafora, i calendari odierni sono sempre e comunque a ramengo e non ha più senso cercare di decifrarli.
ECTS, dicevamo, parliamo di qualcosa di almeno un po' inerente all'ECTS, tanto per far contento il disordine dei giornalisti videoludici: parliamo di Unreal Tournament 2004. Perchè? Perchè mi sta simpatico, mi sembra ovvio! Ok, non sarà una motivazione professionale, ma ammettetelo: se vi avessi detto che era perchè l'Epic mi paga vi avrei fatto ancora più schifo...insomma, accontentatevi.
UT2004 non è importante per il gioco in sé giacchè sarà, molto probabilmente, un restyle di UT2003, ma è un fenomeno di cui tenere conto in quanto è il tentativo di imporre sul mercato una serie sfruttando unicamente le energie del mercato stesso. La EA Sports ormai campa unicamente di serie (con alti e bassi), ma lo fa appoggiandosi al mondo dello sport con tutta l'attrazione che questo comporta, è un caso ben diverso. La Epic è convinta che il gioco in sè, l'e-sport in sé abbia un potenziale da sfruttare e cerca di giocare le sue carte.
I più arguti noteranno che questo discorso l'ho già fatto all'uscita di UT2003, ma credo sia giusto riproporlo ora che abbiamo qualche immagine del 2004 perchè finalmente potremo tastare il polso all'industria e capire dove stiamo andando. Non solo, ma presto questo gioco dovrà scontrarsi con degli avversari di assoluto rispetto quali Half-Life2 (qualunque sia la sua data d'uscita) e Doom3 (o quello se la vedrà con UT2005?), giochi diversi, fortemente alternativi alla filosofia che UT porta, ma proprio per questo pericolosi. Allora capiremo quanto la fame di FPS del mercato si focalizza sul gioco in rete professionale e quanto invece vale un'esperienza single-player di un certo livello.
Orsù, ma cosa spero io? Masse di UT-seguaci con la loro collezione di scatolotti annuali uno accanto all'altro sulla mensola o una più variegata genia di videogiocatori? Bhe, voi tutti sapete quanto UT mi stia simpatico, ma questa volta gli voto contro. Innanzitutto l'e-sport inteso come spettacolarizzazione del gioco in rete e "professionalizzazione" del genere non mi ha mai intrigato più di tanto, non credo siamo ancora pronti a una FIGV(Federazione italiana giuoco virtuale) o cose del genere, e poi comunque è subdola l'operazione di vile marketing sottesa alla serie. A FIFA la serializzazione forzata non ha fatto bene e non penso farà bene agli sparatutto. Unreal Tournament è stato un gioco innovativo, Unreal Tournament 2003 è stato la sua consacrazione, queste due cose le accetto. Ma produrre gli UT in serie è, sostanzialmente, la morte dell'innovazione, dalla Epic non potremo più aspettarci il colpo di coda del FPS massivo, ma solo qualche doverosa innovazione tecnica condita di qualche intrattenimento carismatico. E' un peccato perchè il genere di UT è solo di UT. Doom3, HL2, insomma i giochi che ho citato prima, sono comunque esperienze di gioco diverse, che possono essere adattate (anche molto bene) al gioco on-line, ma che comunque non gli sono dedicate. Dobbiamo aspettare per il gioco on-line "puro" una nuova alba grandiosa come quella che ha partorito UT. Un'alba tecnologica, nel senso che corrisponderà a quando una larga fetta della popolazione mondiale giocherà in rete al massimo della qualità (possiamo dire ciò oggi, anche solo per gli USA?) e ovviamente un'alba del destino, perchè molte e enigmatiche sono le forze che ci guidano nell'universo!
Ok, l'editoriale l'ho fatto, ora penso di poter staccare...si...stacco...eh si, devo staccare perchè voi non sapete quanta roba ho da fare! Eh già...tutte cose importantissime! Fondamentali per...uhm...la mia vita...già...lo studio, il lavoro, le mie...DICIOTTO ORE DI GIOCO DEI POKEMON! E ME NE SONO EVOLUTI SOLO DUE! ADESSO GLI FACCIO VEDERE! ADESSO GLI FACCIO VEDERE! HO IL NINCADA AL SEDICESIMO LIVELLO! VEDI SE QUELLO NON EVOLVE! ARF ARF!

"...ma il cielo è seeeeempre più blu!"

P.S. Lo-Rez mi ha detto che per oggi postava una certa cosa nel forum...sapete, già mi ero lasciato scappare qualcosina settimana scorsa. Se vi interessa...

Cymon: testi, storia, site admin
Precedente Successiva

Follow The Rabbit © 2001 Simonazzi /Farè
Tutti i contenuti del sito sono su licenza Creative Commons
All'inseguimento del Coniglio Bianco sin dal 2001 — Tanto Non Lo Facciamo Per Voi™
XHTML1.0 Strict, CSS2.0, DOM1, RSS2.0