Strip
11
07 . 07 . 2001

Ho sposato una console

Ci siamo conosciuti nel '99, ed è stato amore a prima vista.
Da allora l'ho tradita molte volte, e anche lei mi ha tradito in qualche occasione, ma la nostra relazione è proseguita nonostante tutto, e adesso e' culminata nel matrimonio. Ho sposato una console, so che non sarà per sempre, anzi, con tutta probabilita' durera' poco, ci sono pretendenti di grande attrattiva... ma intanto abbiamo deciso di formare una relazione stabile.
Siamo stati insieme più volte in passato, e ho imparato ad amarla anche se era promessa sposa ai miei amici e io non potevo averla. Adesso però è solo mia. E' piccola, bianca e giapponese. Ha una malattia mortale che le concede solo pochi mesi. Ma e' la mia console, e le ho promesso che saranno i mesi piu' belli della nostra vita.
Ahemm... non scomodatevi a chiamare lo psichiatra, l'ho già fatto io. E nella sala d'aspetto ho anche incontrato Gabe di PA, che sembra avere un rapporto piuttosto ambiguo con la sua DC (come dimostrano questa, questa e quest'altra strip).

Se mi avessero chiesto quali sono gli ingredienti del film dei miei sogni fino a qualche giorno fa avrei risposto:

  • John Woo come regista
  • Computer Graphics
  • le Tartarughe Mutanti Ninja

A quanto pare qualcuno mi ha letto nel pensiero, perchè e' ufficiale che il prossimo film di John Woo sarà sui mitici quattro Leonardo, Michelangelo, Donatello e Raffaello (non gli artisti rinascimentali, le loro versioni verdi con il guscio, quelle divertenti). Le TMNT sono state gli eroi della mia infanzia, protagoniste di una serie di cartoni animati memorabile per le battute a raffica, le arti marziali e il grido di battaglia Coowabungaa!, nonche' di un fumetto altrettanto popolare. Ho sempre desiderato che qualcuno riprendesse questa licenza per farne un nuovo film (ne sono gia' usciti tre, ma c'erano attori veri in ridicoli costumini imbottiti di gommapiuma), e considerato che John Woo e' il miglior regista sulla piazza... non posso che essere entusiasta. Nella mia scala delle attese questo film si piazza direttamente in testa, prima di Final Fantasy e The Lord Of The Rings. Se Woo riesce a far fare quelle cose spettacolari con proiettili e kung-fu ad attori in carne e ossa, ma vi immaginate cosa può uscirne da un film interamente realizzato in CGI?

Però io sto ancora aspettando un gioco decente sulle Tartarughe Ninja per SNES...

Lo-Rez: arte, storia, web design
07 . 07 . 2001

Lancio del JAVAllotto

Sono circa quindici giorni che i miei doveri universitari mi tengono inchiodato al PC a smanettare con il Java e mi pareva giusto dedicare a ciò l'odierna column anche perchè il tempo che uso per scriverla è rubato a suddetta attività quindi almeno una citazione gliela devo, credo.
Non ci sono storie, la programmazione è una brutta bestia. E' pur vero che, come ti dicono in università, "software is art" (and learn the art and put it apart, aggiungo io), ma l'arte è dolore, sofferenza e abnegazione nonchè litri di sudore gettati tra i tasti anche con l'aiuto dell'insopportabile caldo estivo calato sul paese. Ammettiamo che se Michelangelo a furia di picchiar sassi deve essersi fatto dei muscolacci così un qualsiasi programmatore che cerchi di andare oltre il noto giochino "indovina il numero" o l'ancor più noto "hello world" se non altro finisce con l'avere un fegato così...mmmmh, stranamente non riesco ad intuirne i vantaggi.
C'è da dire però che piangiamo piangiamo ma quanti tra noi videogiocatori non hanno provato almeno una volta a scriversi il loro RPG del cuore? O un super-picchiaduro? O uno strategico d'antologia? Chi non ha guardato almeno una volta la faccia di Meier, Braben o Moulineaux pensando "bhe, che ci vuole? Suvvia dai, #include <stdio.h>...".
Non so se questa visione "romantica" e un po' pionieristica dei videogame sia condivisibile dalle odierne generazioni. Io personalmente sono figlio di un epoca in cui le leggende abbondavano, in cui un uomo (o un piccolo gruppo di uomini) con una buona idea e pazienza poteva tirare fuori giochi come "Prince of Persia", "Maniac Mansion", "Wolfenstein 3D"...Ho, da qualche parte nella mia cameretta, uno degli Atari pack che tempo fa l'Activision sfornava sull'onda del retrogaming. Credo che una delle sezioni più gustose di quel CD siano le storie dei giochi e dei loro autori, solitamente storie di cantine, Basic messo insieme un po' a naso e buona volontà, ma che comunque hanno portato a perle quali Pitfall che hanno lasciato il segno.
Oggi non possiamo più dire veramente che software è art perchè siamo entrati nell'era dell'industria dei videogame, dove i giochi sono fatti da venti-trenta persone con attrezzature milionarie (pensate solo a farvi in casa il motion capture di un giocatore di calcio...) e necessitano di anni per venire fuori. Ci siamo giocati l'era dei pionieri e del self-made man, ci siamo giocati il nostro far west dove bastava una picozza per trovare l'oro, abbiamo perso quella patina di rustico che contraddistingueva il programmatore...
Attenzione però, la mia non è nostalgia dei vecchi giochi, anzi, forse non è nostalgia affatto. E' solo la consapevolezza che da oggi in poi non avremo più eroi, non potremo più parlare di un certo preciso genio che ha fatto un certo preciso capolavoro, a meno di riferirci alle vecchie glorie dei tempi andati (e rendiamoci conto che queste vecchie glorie avevano vent'anni in tempi andati che riguardano dieci anni fa...quindi ce li troveremo incollati ai video ancora per parecchio...per fortuna, aggiungo io).
Fortunatamente oggi si ha comunque diverse possibilità di sfogare anche con successo la propria ars programmatoria, non dimentichiamoci dei tanti giochi che rendono pubblico il loro codice per favorire il fiorire di MOD, Total Conversions e smanettamenti vari. Non dimentichiamoci i vari architetti di mappe che sono riconosciuti nella rete come veri artisti...insomma, non dimentichiamoci che la community cosiddetta ha ancora sotto i suoi attributi e quando si tratta di dare nuova linfa ai giochi sa impegnarsi...
Però diciamocelo, mettiamo caso che state giocando all'ultimo colossal di un qualsiasi genere e vi accorgiate che è bello si, ma...cribbio...se mi avessero permesso di gestire quello...se mi avessero fatto fare quell'altro...non sarebbe divertente per una volta... A quel punto che ve ne frega del pianeta? #include <stdio.h>..., adesso ve lo faccio vedere io come si mette insieme un RTS innovativo! E se verrà fuori una cosa da 500k con grafica 320x200 e senza sonoro chissenefrega...
Come zio Paperone...soldi su soldi su soldi, ma il primo piccone non si scorda mai...

Cymon: testi, storia, site admin
Precedente Successiva

Follow The Rabbit © 2001 Simonazzi /Farè
Tutti i contenuti del sito sono su licenza Creative Commons
All'inseguimento del Coniglio Bianco sin dal 2001 — Tanto Non Lo Facciamo Per Voi™
XHTML1.0 Strict, CSS2.0, DOM1, RSS2.0