Bonus

La vera storia di Kunoichi Clara

Mentre ancora nulla era trapelato riguardo Kunoichi Clara, due utenti del forum di FTR, Nessuno_87 e Simbul, hanno elaborato la loro personale versione della storia inserendovi molto degli elementi storici della tana. Visto che non ci pareva giusto che un'opera del genere andasse perduta per i meandri del forum, abbiamo deciso di conservarla qui, lontana dagli artigli di ogni mietitore.
(In verità il motivo per cui questo testo viene conservato è che la sua distruzione, secondo la questura, sarebbe occultamento di prove. Non chiedetemi prove per che cosa...)

Primo episodio: Galline
Un gallina entra in un supermercato, fa una capriola e muore.
Intanto Clara ha una crisi d'identità e crede di essere una ninja, vedendo una gallina che muore al supermercato.
Poi un meraviglioso colpo si scena: La gallina muore non per una fatalità, era il macellaio che l'ha assassinata spargendo grasso di foca sul pavimento.
Ma poi il macellaio per la felicità fa una capriola sul grasso e muore.
Nel frattempo una mucca entra in un caffè. SPLASH!

Arriva un gruppo di turisti giapponesi che passavano per i 'azzi loro, con la schiena tutta incriccata per via della contorsione quale erano costretti per entrare nella 500 dei tipi della Dreher, vedono tutti sti morti, fanno una marea di foto e vanno a casa a vedere Sailor Moon.
Intanto la mucca si salva bevendo tutto il caffè, e diventa caffeinomane come Neo.
Solo che i giapponesi incontrano Clara che li passa tutti a fil di spada considerandoli pervertiti pedofili dediti alla visione di cartoni animati devianti. Dopodichè Clara entra in un supermercato, fa una capriola e miracolosamente sopravvive: il proprietario del supermercato fiuta l'affare ed erige un altare a S.Clara mettendosi a vendere santini e statuine di plastica.
Milioni di galline si immolano nel vano tentativo di imitare Clara, non accorgendosi di un problema essenziale, cioè che le galline non hanno le tette, quindi se muoiono non gliene frega niente a nessuno. Le mucche continuano a sperare.

Secondo episodio: Combattimenti inutili ma molto coreografici
Ma un bel giorno una gallina riesce a sopravvivere al volo, perchè si era protetta con armatura di Bambù e aveva comprato 100 pozioni magiche con RabbitCard® e si risana dalle ferite.
Il momento è topico: Clara giunge in limo, dopo che con i proventi dei santini e delle statuette era andata alle Bahamas a combattere cicloni a mani nude per potenziarsi, e sfida la gallina per mantenere il primato.
Facendo la morra cinese si giunge alla decisione di fare un combattimento a turni alla FF.
Clara e la gallina crudele (che nel frattempo per qualche strana ragione è diventata grande 2x3 metri e tutta blu) si sfidano. Clara lancia una stelletta ma centra il macellaio, che muore sotto gli occhi delle bistecche e degli scamoni. La gallina contrattacca ma improvvisamente arriva Lara Croft con le pistole spianate e con una capriola volante semicarpiata e con la grazia di un bradipo annichilito (quale è in TR6) uccide la galline.
Clara si incazza e le tira un calcione nelle tette, e con il tacco le sgonfia. Lara cade morta e Clara urla felice "MAI PIU' TOMB RAIDER!!!!!!"
Giubilo generale.

Effetto sfumato in chiusura e sigla finale sulle note di "Sailor Moon" di Cristina D'Avena.

Note finali
Clara Croft si ritira in Tibet per ritrovare la pace mentale. Solo che trova il fantasma di Lara che cerca di profanare la cantina del monastero. Clara verrà ritrovata nel seminterrato della sua casa abusiva in Cologno Monzese, trafitta da una Katana. Sono state trovate tracce di pelo di roditore e pezzi di Carotino, oltre a una lettera minatoria del FNCSFRIW (Fronte Nazionalista Conigli SFRuttati In Webcomic).

La gallina è stata sepolta nell'inceneritore di Brescia, è stata riciclata e ora è parte di un manufatto in polistirolo.

Le famiglie dei Giapponesi hanno costituito un'associazione che sta manifestando davanti al supermercato per riottenere i rullini delle foto, trattenuti dalla polizia come prove.
Il supermercato intanto è stato chiuso dall'ufficio d'igiene.

La mucca è tornata in Svizzera, ha sposato un toro del Liechtenstein e vive felice in un mattatoio, in attesa di giorni migliori.

Terzo episodio: Consecutio temporum
Venuti a conoscenza della triste sorte toccata alle galline, per solidarietà pennuta una mandria di chocobo inferociti ha invaso il forum di Follow the Rabbit, devastando topic e scardinando lucchetti.
Voci non confermate sostengono che Cloud si sia intrattenuto a parlare con un Chocobo, il quale gli ha deposto all'istante uno strano uovo giallo luccicante, che Cloud ha tentato invano di incastonare nella sua spada gridando frasi senza senso. Arriva Serpente Solido che con la Socom si mette a mattare tutti i chocobo che vede, strisciandogli dietro, sparandogli alla schiena e nascondendo i cadaveri nell'armadio.
Felici per la mattanza Cymon e Lo-Rez accompagnati da Nessuno_87, Simbul, e tutti gli altri allegri spammoni, vanno a mangiare tacchino ripieno alla Trattoria "Al Ciospo" di Capriano del Colle, per ripicca.

Sigla finale con la versiona hardcore di "Fly me to the moon" cantata da Charlie Cinelli in dialetto Bresciano
Fam vulà fin ala lüna,
e fam cantà, tra le steeeeeleeeeeeeeee!
Fam veer come l'è la primaera, sö Marte e sö Giove.
En altre parole, tegnem la màaa
En altre parole, basem bela gnara!

Quarto episodio: Enter the Rez Vibrator
Beccati alla trattoria "Al Ciospo" da una fortissima dissenteria, i nostri eroi si recano al bagno più vicino. Con sorpresa e sgomento, scoprono che è infestato dal fantasma della gallina, ma una scoreggia emanata da uno dei nostri amici lo fa scappare implorando pietà e chiedendo a Dante se gli dava un passaggio per l'inferno. Questi gli sputa in un occhio e lo sbatte a calci fuori dal webcomic. Si è materializzato sulla mia tastiera, mentre sto scrivendo, è uscito dallo spinotto del mio modem. Ora scusate, devo castigare uno spiritello rompimaroni...
La gallina fantasma si trova ora sulla mia tastiera, Cymon, Lo-Rez, Simbul e gli altri schizzoidi mi citofonano per salire in casa mia. Mentre vado a rispondere il maledetto b@57@rd0 mi prende da dietro con il mio sidewinder. Apro la porta e i gnari salgono. Si mettono nel mio corridoio a fare la ola e a bere la MIA birra, e intonano "Chi si estrae dalla lotta è una mign077@@@@@, chi non canta in compagnia è una spiaaaaaa, orgogliosi di tifar Nessuno, e di lottare coi bastoni insieme a lui..." suonando i tamburi manco fossero Ultràs, dopodiche si aggregano alla rissa. E patapim e patapam, e patapim e patapam, la pace e la tranquillità sono ristabilite in casa di Nessuno_87.
La gallina è sistemata, torniamo tutti al supermercato, senza un motivo preciso (come in alcuni GDR) e incontriamo il coniglio e una ragazza strana, con un Rez-vibratore in mano e un corpo familiare... ma sì! E' LEI! E' Maria Teresa Ruta! No! Era una maschera, trattasi in realtà di una piacente fanciulla sconosciuta.

Sigla finale eseguita da Lilly Dagani e I Belli, rispettivamente famosissima cantautrice di mazurka e vincitrice del "disco per l'estate a Maclodio 2003" con il pezzo "La mucca a pascolare" e riserve della banda cittadina di Gardone Riviera. Come sfondo una presentazione in powerpoint

Quinto episodio: La classica puntata piena di guest star
Ad un tratto la piacente fanciulla impegnata ad esplorare metodi alternativi d'uso di periferiche di gioco inconsuete prorompe in un grido: "Aaah"... ehm no scusate.
"Maledizione! Sono stata ingannata, questo è il terribile Lo-Rez-Vibrator! Aiuto Supergiovane!"
Scatta Supergiovane e derapa soccorrendo la fanciulla ma investendo nella derapata una dozzina di galline mannare che eseguono all'unisono il suono onomatopeico "splotch!" e si spetasciano a terra in un festival di piume e sangue avicolo. Nel frattempo Lo-Rez, scoperto, si leva il comodo travestimento in gomma lavabile e si dà alla fUga. Si, ho scritto "U".
Intanto Supergiovane viene sorpreso da un senso di colpa fortissimo, e si mette a piangere sangue, soluzione salina per lenti a contatto e ammoniaca per la disperazione. Come ha potuto uno come lui uccidere così tante galline in un colpo solo con una derapata? Avrebbe dovuto frenare prima e seccarle con un Rutto Laser o una sventagliata di mitra.
Non riesce a resistere, e si fa un harakiri con un trinciapolli.
Tutta sta scena dura 26 minuti, e Lo-Rez datosi alla fuga si è già rifugiato a Santo Domingo assieme a una commerciante di astici dell'Honduras.
Passano 10 giorni, e mentre si sta godendo piadina al crudo di Parma, polenta e osei e vin brulè, viene sgamato in pieno da Attila Flagello di Dio interpretato da Diego Abatantuono. Costui dice: "Oppabbacco, che shtrano animalo purcielletto è questo? Giallo, abbiamo shbagliato shtrada. Shbabbari, imo arroma!"
Una tegola improvvisamente cade da un palazzo vicino e piglia in pieno Lo-Rez sulla testa. Attila fà: "Giallo, rolla funebre! Lorezz sfiga ha avuto, e mò è moruto. 'Na tegola l'ha spaccat, e Odin se l'ha ciappat, e Odin ce l'ha Ciappato!"
Attila se ne va, e Lo-Rez apparentemente morto, si risveglia infoiato come non mai, e si arrabbia. Diventa tutto verde e si trasforma in Hi-Rez. Ora cerca cibo, e con un teletrasporto da lui disegnato con carboncino e tool matita di PSpro, si teletrasporta a casa.

Come sigla finale i momenti salienti del video dei Spakkakansas "E ora fòm bordèl"

Sesto episodio: Rez SMASH!
Hi-Rez, nella sua nuova versione 1024x768, si aggira verde e inc@zz@70 per le strade della città, SMASHando sul suo percorso qualsivoglia essere più o meno inanimato, dalle galline ai produttori di tegole ai motorini che derapano sopra le suddette galline, ai produttori delle specifiche tegole che cadono in testa al succitato Rez dopo che il summenzionato motorino ha spiaccicato le suddette galline.
In barba a qualsiasi regola grammaticale, sintattica, alla limpidezza periodale e a un paio di divieti di sosta, nel frattempo Cymon si prepara a vergare un acido editoriale, dal titolo "Come cucinare la trifola senza funghi".

Dopo essersi accattivato le simpatie delle casalinghe con l'editoriale e aver vinto il premio Sporczer, il prode Cymon è pronto per sfidare Hi-Rez che sta distruggendo a colpi di matita tutti gli schermi che trova con una risoluzione sopra i 1024x768, per invidia.
Cymon sta preparando un editorale lungo e barbosissimo, per sconfiggere Hi-Rez facendogli girare a tal punto le palle che si arrenderà e offirà la pizza a tutti.
Ma una biondona lo avvicina e gli propone di andarsene con lui a spatasciare galline ninja con le tegole a Santo domingo assieme ad Attila e una foca per la riserva di grasso. Lui ovviamente accetta.
La città è in preda al panico, Hi-Rez è inarrestabile! Ma....
(momento si suspance, parte la sigla ma ATTENZIONE è un imbroglio! La sigla si interrompe e con l'irruenza delle Iene arriva una schermata blu, e conseguente errore di Rundll32.exe, e Windows si riavvia in modalità provvisoria con la risoluzione 640x480).
Bentornato Lo-Rez.

Settimo episodio: Happy Ending
In un letto di ospedale, Lo-Rez si alza stanco, come se avesse fumato 8 cannoni, e con un filo di voce dice: "Maledetti i driver che ho trovato nel cd della scheda video! Urgh!"
Una fitta al cuore lo prende. E' l'utility di controllo compatibilità driver di Windows XP, che accertano che sono una versione geneticamente modificata di diver per windows 98.

"Presto dottor Green, lo stiamo perdendo!"
"Polso scarso, frequenza onde cerebrali debole, segnale assente. Azz, scusate, quello è il mio cellulare"
"Dannazione dottor Duchovny, è messo parecchio male! Ma che ci fa questa matita nel retto??"
"Scusate è mia, l'avevo persa durante le prime analisi..."
"Cribbio! Qualcuno lo salvi!"
Arriva Bill Gates interrompendo la scena, e dice in un italiano scarso ma comprensibile: "Mi sorry molto, ma da when don't lui fare scandisk? One will risolv everytutt!"
Il dottor Arzov lo stronca con un fucile a pompa mentre Guglielmo finisce di dire le virgolette, e un rigolo di sangue esce dalla sua porta usb.
"Lo str0nz3tto non si era lavato le mani, poteva ucciderlo!"
"Ma forse aveva ragione! Proviamo con uno scandisk!"
"Lei non è in grado di fare certe delicate diagnosi, solamente consultando la guida in linea o i consigli di un dannato pivello di nome Bill Gates! Dottor Faulenza! Inietti 12 ciccì di scandisk"
E così, Lo-Rez tornò in forma, un po' buggato ma, insomma, stava bene.
E tutti a festeggiare al bar Mokito di Maclodio con pirlo e salatini.
Per pranzo trifola secondo la ricetta di Cymon.

Per sigla una canzone degli anni '30 remixata da Gigi d'Alessio Feat. Gigi d'Agostino feat. Gigi di sta m1nch1@

Bonus: la ricetta segreta della trifola senza funghi
Prendete una rana, e leccatela q.b. Ora dovreste essere nella situazione mentale giusta per preparare la ricetta.
Procuratevi quattro cetrioli di almeno 25cm e regalateli ad altrettante vostre amiche con i migliori auguri (le suddette amiche saranno poi invitate a consumare la trifola, e non potranno esimersi in virtù dell'omaggio ricevuto - sempre che non siano troppo occupate, ovviamente)
Raccogliete in un cesto dei funghi di bosco: se vedete dei piccoli omini blu con mutandoni e cappelli bianchi uscire dai funghi forse avete leccato la rana troppo a lungo. Nel dubbio schiacciateli con una pala da giardino, dopodichè buttate via i funghi.
Scrivete su un foglio la seguente espressione: 15x2+7-6 e tentate di risolverla. Se ci riuscite, è arrivato di nuovo il momento della rana.
Stendete sul tagliere un mazzo di sedani e tagliateli molto sottili con una mannaia affilata. Eventuali falangi non sono richieste per la buona riuscita della ricetta, ma possono contribuire a dare un gusto particolare al tutto.
Ora mettete sul fuoco una carota, una foglia di insalata e un pomodoro. Se si è bruciato tutto, forse dovreste considerare l'acquisto di una pentola.
Riempite la pentola con una soluzione di alcool al 90%. Se l'operazione vi pare rischiosa, aspettate quando arriverà il momento di accendere il fuoco!
Accendete il fuoco sotto la pentola, dopodichè versate all'interno tutto ciò che riuscite a trovare nel tempo massimo di 1'16". Lasciate bollire lentamente fino a che la vostra cucina sarà ridotta a uno scheletro arso di rovine fumanti, dopodichè recatevi al ristorante insieme alle suddette amiche ed ordinate una trifola senza funghi, in modo da godervi lo spettacolo della preparazione del piatto.
Per non compromettere l'esito di future ricette è buona norma invitare al ristorante anche la rana.

Fin

Follow The Rabbit © 2001 Simonazzi /Farè
Tutti i contenuti del sito sono su licenza Creative Commons
All'inseguimento del Coniglio Bianco sin dal 2001 — Tanto Non Lo Facciamo Per Voi™
XHTML1.0 Strict, CSS2.0, DOM1, RSS2.0